“Notizie gravissime: è stato tolto il segreto su quanto costa ai contribuenti l’assistenza sanitaria integrativa dei deputati” –

di Shadow Ranger |

“Notizie gravissime: è stato tolto il segreto su quanto costa ai contribuenti l’assistenza sanitaria integrativa dei deputati” – Bufale.net

La bufala per cui “è stato tolto il segreto su quanto costa ai contribuenti l’assistenza sanitaria integrativa dei deputati” è quel genere di bufale che amiamo definire “bufala herpes”.

Come un herpes non va mai via. Mai.

Resta dormiente nei meandri della Rete per essere risputata fuori e riapparire sulle bacheche, o sui messaggini di tutti, come uno sfigurante herpes sulla faccia di qualcuno.

Un po’ di storia

La prima sezione del testo che ci è stato inviato è quella che possiamo archiviare come disinformazione.

Figurarsi, è un testo così segreto, così sconosciuto, che questa prima parte del PDF che “gira su WhatsApp” è un copincolla, quasi completamente parola per parola, di un articolo di Repubblica dell’11 Aprile 2011.

E quando le tue notizie segrete che la kasta non ci dicono le vai a copincollare da quello che fino al giorno prima hai chiamato un giornale della kasta, e che le tue informazioni segretissime le diffonde dal 2011, capisci che qualcosa che non quadra ci deve essere.

E la cosa scopriamo essere una patacca circolante a mezzo email sin dall’anno dopo, il 2011, momento dal quale di anno in anno un viralizzatore a caso ha potuto dichiarare di conoscere un grande segreto che in realtà conosce mezzo mondo.

Certo, omettendo che ogni parlamentare versa una quota della loro indennità, pari ad oltre 500 euro circa per la citata assistenza sanitaria.

Ed omettendo che sia i portali del Senato che quelli della Camera riportano dati più aggiornati sulla stessa.

Dal Senato scopriamo che

Il Fondo di solidarietà fra i Senatori eroga un rimborso parziale di determinate spese sanitarie sostenute dagli iscritti, nei limiti fissati dal Regolamento e dal Tariffario. L’iscrizione è obbligatoria per i Senatori in carica, che versano un contributo pari al 4,5 per cento dell’indennità lorda; è facoltativa per i titolari di pensione, il cui contributo è pari al 4,7 per cento dell’importo lordo del proprio assegno. Con il versamento di quote aggiuntive è possibile l’iscrizione dei familiari.

La riduzione del trattamento economico dei Senatori

Come si è già visto, nel corso degli ultimi anni il trattamento complessivo dei Senatori è stato più volte ridimensionato, al fine di contribuire alla riduzione della spesa pubblica. Si ricapitolano le più importanti novità.

Dal 1° gennaio 2006 al 2012 l’importo dell’indennità parlamentare lorda è stato ridotto da 12.434,32 a 10.385,31 euro. Inoltre dal 1° gennaio 2011 le competenze accessorie sono state complessivamente ridotte di 1.000 euro al mese.

Dopo la riforma degli assegni vitalizi del 2007, che ridusse la misura di tali prestazioni e raddoppiò il periodo minimo di mandato richiesto per maturare il diritto all’assegno, portandolo da 2 anni e 6 mesi a 5 anni, dal gennaio 2012 è stato radicalmente modificato il trattamento previdenziale di tutti i parlamentari, con l’introduzione del sistema contributivo.

Inoltre, a partire dal 1° gennaio 2010, sono state notevolmente ridotte le facilitazioni di viaggio a favore degli ex senatori, con l’introduzione di un tetto annuale per i viaggi aerei e ferroviari sul territorio nazionale (peraltro riconosciuto per un periodo di 10 anni dalla cessazione dal mandato) e con la soppressione di qualsiasi rimborso dei pedaggi autostradali.

E dalla Camera che

Ciascun deputato versa obbligatoriamente, in un apposito fondo, una quota della propria indennità lorda, pari a 526,66 euro mensili, destinata al sistema di assistenza sanitaria integrativa, che eroga ai propri iscritti, senza oneri aggiuntivi per il bilancio della Camera, rimborsi per prestazioni sanitarie, secondo quanto previsto da un apposito tariffario.

Ma, naturalmente, perché informarsi in autonomia dello stato attuale delle cose, se il cellulare lo hai in tasca per farti i selfie e “condividere e far girare” appelli?

Ma credetemi, il PDF, tra una immaginetta buffa e vaghi strali antikasta, peggiora devolvendo dalla disinformazione alla bufala conclamata

Il problema delle false attribuzioni

E lo fa col principio di autorità “alla complottara maniera”.

Il principio di autorità alla complottista è una variante della Fallacia dell’Ipse Dixit.

Avete presente l’abitante del Medioevo che ripeteva con convinzione che la Terra non poteva che essere piatta e immobile col Sole che le gira intorno perché “Lo diceva Aristotele”?

Nel volgere di pochi anni, questa bufala è diventata vera non perché lo sia (cosa, come abbiamo visto, falsa) ma perché di volta in volta chi l’ha condivisa ha detto di averla sentita dall’Espresso, dai “Deputati Radicali di Parlamento Wikileaks” o dal “COMITATO PER L’ABOLIZIONE DEI PRIVILEGI PARLAMENTARI”, in tutto maiuscolo perché sì.

Di fatti è dal 1998 che questa bufala gira e nessuno dei soggetti a cui è stata impropriamente attribuita ne ha mai parlato.

Non almeno, nei termini descritti.

Chiedete a chi vi ha girato il PDF di indicarvi il numero esatto dell’Espresso sui cui avrebbe letto, in quale occasione è stata vergata denuncia di tale fenomeno o dove trovare il Comitato che se ne è occupato.

In un capolavoro di logica ricorsiva vi diranno di leggere il PDF, che la prova è il PDF e che siccome il PDF cita tali soggetti tali soggetti devono aver proferito tali parole.

Come se ad esempio bastasse il solito meme di Pertini che si esprime come un rissoso cavernicolo per provare che questi amasse girare con mazze e bastoni per scatenare risse.

L’inesistente articolo dell’Espresso

Facciamo una piccola scommessa. Dite a tutti quelli che vi hanno mandato questo appello che se non vi dicono entro 12 ore quale numero dell’Espresso contiene questo miracoloso articolo li bloccherete su tutti i social e farete le segnalazioni del caso.

Concedetegli, se non lo trovano, di trovare traccia su ognuna delle fonti citate.

Scommettiamo che dopo un forte odore di bruciato e rumore di ingranaggi distrutti saranno loro a bloccarvi farneticando cose contro la kasta per poi sfondare un finestrone urlando “Non mi avrete mai, sbirri dei Massoni” e, lanciato il cellulare, fuggire in un bosco per vivere di bacche e radici, certo di essere stato scoperto?

Di questo articolo lo scrivente se ne era occupato nel 2017, arrivando alla conclusione che lo stesso non esiste.

Il rigo precedente è un link all’articolo dell’epoca. Leggetelo. Che poi interrogo.

Cominciavo proprio con queste ormai profetiche parole

WhatsApp è stato, e continua ad essere, uno strumento molto utile per comunicare velocemente tra amici e parenti. Talora diventa una vera e propria fossa settica dove vecchie e nuove bufale vengono viralizzate e gettato in pasto al popolo senza controllo.

Ricorderete come su WhatsApp la Lega del Filo d’Oro sia stata descritta come una società del male che avvelena la gente per divertimento sadico, o gli infiniti messaggi di amici di amici di commissari e finanzieri pronti ad annunciare attentati terroristici

E se le contestazioni sul dato di WikiLeaks parlamento risalgono al 2011, l’immaginario e falso aumento dello stipendio “votato in gran segreto” risale al 2001, con tracce su Usenet nel 2000, censite dal nostro decano Paolo Attivissimo.

Compare in questo tragicomico appello vintage una delle prime varianti della “giustificazione” apparsa in altre bufale illustri, come quella del Senatore Cirenga

L’inesistente Espresso di qualche tempo fa infatti veniva citato sin dal 2001, su Usenet (una Internet di solo testo, antenata dei forum e di Facebook) con un identico messaggio (ancorchè in lire) arricchito di un grottesco disclaimer:

Inoltre la mozione e stata camuffata in modo tale da non risultare nei verbali ufficiali

L’equivalente virtuale di me lo ha detto mio cugino, che purtroppo ora è morto e non può venire a confermartelo.

Anche volendo tralasciare il grottesco dettaglio di una “votazione supersegreta che esiste solo sulle pagine patinate di un giornale”, ed anche volendo interrogarsi sulle differenze tra “stipendio base” e “stipendio” e perchè la voce sia quindi duplicata nell’appello, non possiamo che celebrare i diciannove anni di una bufala che continua a palesarsi senza interruzione.

E si prega di notare come, quasi venti anni dopo, i dati indicati nell’appello bufala non si avvicinino per niente alla realtà dei fatti, che i miscredenti potranno reperire qui per la Camera e qui per il Senato.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News