No, non si tratta di un caso di discriminazione dei novax in Germania

di Bufale.net Team |

No, non si tratta di un caso di discriminazione dei novax in Germania Bufale.net

Ci segnalano i nostri contatti un presunto caso di “discriminazione dei novax in Germania”.

No, non si tratta di un caso di discriminazione dei novax in Germania

Ovviamente si tratta di una foto decontestualizzata.

Non ritrae un presunto “apartheid novax”, una “discriminazione dei novax” dove i novax sono distanziati dai vaccinati, e neppure un esercizio commerciale tedesco.

Bensì si tratta di una foto Rumena che ritrae uno scenario a noi comune durante la prima e la seconda ondata: esercizi commerciali dove le attività “non essenziali” in galleria sono chiuse, quindi transennate e inibite all’accesso.

In questo caso, tra le attività non essenziali ci sono attività fruibili col solo Green Pass in periodo di Lockdown, e quindi le transenne servono solo a delimitare aree che altrimenti sarebbero state chiuse comunque.

Il thread tradotto recita:

La catena di supermercati Kaufland (Romania) ha posto transennato le attività commerciali distinguendole tra la parte generale liberamente accessibile e quella “non essenziale” con ristoranti e pasticcerie. Le  foto sono presentate su account di disinformazione come se fossero state scattate in Germania. Risparmiatemi la risposta “E anche se fosse successo in Romania? È il concetto che conta”, fai la spesa altrove.

Il link collegato descrive l’iniziativa come dettata dalla catena di negozi. Catena che tra tenere le gallerie chiuse, con evidente danno economico, e consentire una limitata apertura dei servizi accessibili con Green Pass ha consentito la seconda.

Non si tratta di un caso di discriminazione dei novax in Germania: non è in Germania, e gli esercizi interessati erano comunque tra quelli accessibili col solo Green Pass.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

ATTENZIONE - L'articolo verrà successivamente completato con un FACT-CHECKING COMPLETO, ma per ora presenta un TAG PROVVISORIO con le informazioni fino ad ora raccolte per bloccare la viralità di eventuali bufale. La metodologia è spiegata nella seguente sezione: https://www.bufale.net/fact-checking-prearticoli

Latest News