DISINFORMAZIONE La foto della bambina separata dalla madre al confine negli USA

di Bufale.net Team |

Secondo alcuni media questa fotografia ritrarrebbe una bambina che piange perché è stata separata dalla madre al confine.

In realtà si tratta di una notizia distorta.

La fotografia che mostra una bambina che piangeva al confine, scattata dal fotografo John Moore il 12 giugno scorso, è diventata estremamente popolare e virale sul web e in seguito venne sfruttata per una copertina della rivista “TIME”.

Contrariamente rispetto alle affermazioni riportate, i media hanno sempre riferito che la bambina nella foto non è mai stata separata dalla madre. Si tratta di un’informazione che è stata smentita dalla dogana e dalla pattuglia di confine degli Usa, che hanno dichiarato che la coppia non era stata separata dalla piccola.

Il dibattito sui social media riguardante la nuova politica degli Stati Uniti nei confronti dei flussi migratori che ha portato alla separazione di tante famiglie e ad una tolleranza zero alla frontiera, si è fatto sempre più aspro. Soprattutto in riferimento all’origine di una serie di foto, di cui una raffigurava una bambina con una maglietta rosa che piangeva circondata da agenti di frontiera.

Lo scorso 21 giugno, anche il portale Daily Wire era tra i siti web che segnalavano che i media avevano affermato falsamente che la bambina era stata separata dalla madre.

The Daily Wire faceva riferimento a Washington Post e agli articoli della CNN sulla foto, anche se nessuno di questi riportava che la ragazza fosse stata separata dalla madre. Il pezzo della CNN a cui il Daily Wire collegava di nuovo la foto sottolineava come la bambina non era stata separata dalla madre.

Anche se Moore ha affermato che l’obiettivo, nello scattare quella foto, era quello di catturare un momento che trasmettesse l’impatto emotivo suscitato dalle separazioni familiari, né lui né le altre fonti che hanno pubblicato la sua immagine hanno mai sostenuto che madre e figlia fossero stati separati.

 

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News