DISINFORMAZIONE Avvolgi i denti nella stagnola: ecco cosa succede – Bufale.net

di Shadow Ranger |

DISINFORMAZIONE Avvolgi i denti nella stagnola: ecco cosa succede – Bufale.net Bufale.net

disinformazione-denti-stagnola

Ci segnalano i nostri contatti  il seguente articolo:

Se ritenete che il vostro sorriso sia tutt’altro che ammaliante, a causa di una dentatura che tende a un antiestetico colorito giallognolo (per colpa del fumo o di alcuni alimenti e bevande corrosive), è arrivato il momento di correre ai ripari! Se anche voi desiderate sfoggiare come le star denti super-bianchi e splendenti, ma non avete intenzione di spendere un capitale dal vostro dentista, potrete approfittare di un trucchetto infallibile e a costo zero: sarà sufficiente, infatti, avvolgere i vostri denti in un foglio di alluminio. Non ci credete? Seguite il nostro consiglio e vi renderete conto che avere dei denti straordinariamente splendenti è possibile e con il minimo impegno.

Proseguendo nella lettura ritroviamo una vecchia formulazione di cui  avevamo già parlato  e basata su un vecchio amico delle terapie cosmetiche e medicinali domestiche:  il bicarbonato di sodio.

L’assunto del testo, che  si ripropone inalterato sul web da anni ormai, si basa sul preparare una pasta di acqua, sale e bicarbonato e

Innanzitutto, dovete fare un impasto con bicarbonato, sale e acqua e applicarlo sui denti. Ritagliate un foglio di carta stagnola (quella che abitualmente viene utilizzata per la conservazione degli alimenti), applicatelo sia sull’arcata superiore che su quella inferiore e non rimuovetelo per almeno mezz’ora. Una volta trascorso il tempo necessario, asportate il foglio ed effettuate l’usuale lavaggio dei denti con spazzolino e dentifricio. Quando vi guarderete allo specchio rimarrete a bocca aperta: i vostri denti, infatti, appariranno bianchi e splendenti! L’ingiallimento e l’opacità, in altri termini, non saranno che un lontano ricordo!

Ponendo quindi in contraddizione aperta i prodotti da farmacia per lo sbiancamento, descritti come “artificiali” ed il bicarbonato, “naturale” e quindi buono.

Avrete già, se ricordate quanto abbiamo detto in passato sul bicarbonato e quanto letto nel primo articolo, notato la prima contraddizione.

Se infatti causa dell’erosione dentale è l’uso di sostanze aggressive, sia corrosivi che abrasivi, usare il bicarbonato, un  noto agente abrasivo per risolvere il problema da queste cagionate è un po’ come sgrattare l’intonaco di un muro sporco per rimuovere il sudiciume accumulato:  rimuovendo un  sottile strato e senza abusarne può anche funzionare. Proseguendo senza criterio, come purtroppo accade quando si eseguono cure “domestiche” senza il controllo di un medico, resti senza intonaco.

In questo caso, accumulando danni su uno smalto danneggiato: non una buona idea.

Ricordiamo infatti che:

A major disadvantage of baking soda is that it is slightly abrasive to the teeth’s enamel, and if used repeatedly over time it can weaken the enamel. The erosion of the enamel can make the teeth more sensitive and more vulnerable to dental cavities. This type of damage is irreversible and can worsen over time.

Another disadvantage is the fact that baking soda doesn’t kill bacteria, to prevent cavities you have to brush your teeth with toothpaste after brushing with baking soda.

Finally, if you have braces or permanent retainers you should not brush with baking soda, because baking soda can cause them to fall out and leave darker spots due to reactions with the baking soda.

Il problema primario del bicarbonato è che è un blando abrasivo dello smalto dentale, e lo indebolisce nell’uso prolungato. L’erosione dentale rende i denti più sensibili e vulnerabili alla carie. Il danno provocato è irreversibile e può peggiorare nel tempo.

Un ulteriore svantaggio è che il bicarbonato non uccide i batteri. Per evitare la carie devi lavarti i denti col dentifricio dopo aver usato il bicarbonato.

Infine, chi ha apparecchi ortodontici fissi o removibili non deve usare il bicarbonato, che può staccarli e lasciare chiazze scure sui denti a causa delle reazioni chimiche.

Ricordiamo infatti nel brano citato come il portale  MdHealth.com elenchi una serie di vantaggi e svantaggi del Bicarbonato di sodio, confermando sì le sue potenzialità nella rimozione di alcune macchie, ma mettendo in guardia dal rischio di  erosione in caso di abuso ed uso prolungato.

Aggiungiamo a questo potenziale fattore di rischio la presenza dell’alluminio: innocuo, di per sé, ma chiunque sia vissuto prima che le  otturazioni dentali in materiale composito (dal colore più naturale e, ove ben modellato, in grado di rendere un dente cariato e curato indistinguibile da un dente mai cariatosi) sostituissero quelle in amalgama, saprà ben ricordarvi quanto sia doloroso il contatto tra la stagnola e l’otturazione,  e come il masticare pezzetti di stagnola fosse usato come autentica  prova di coraggio, a cagione del contatto di due metalli.

In sintesi, possiamo dirvi che se è indubbia la capacità del bicarbonato, come blando abrasivo, di avere un leggero effetto sbiancante è  sconsigliato sempre e comunque in medicina il ghe pensi mi:  sarà meglio ricorrere all’ausilio di un medico dentista o di un igienista dentale per consigli su come gestire al meglio il proprio sorriso. Cosa che, ricordiamo, a pagina 4 dell’articolo indicato viene comunque, in finis,  evidenziata e raccomandata.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News