Contagi in aumento nel Regno Unito, ma novax e “chiusuristi” hanno poco di cui festeggiare comunque

di Bufale.net Team |

Contagi in aumento nel Regno Unito, ma novax e “chiusuristi” hanno poco di cui festeggiare comunque Bufale.net

La notizia dei contagi in aumento nel Regno Unito sta suscitando manifestazione di approvazione, quasi gioia nei novax militanti online e nel loro specchio riflesso, i “chiusuristi a oltranza” che negando l’efficacia del vaccino e del tracciamento vedono nelle chiusure l’unica salvezza.

Già il fatto di gioire della sofferenza altrui è un atto eticamente assai censurabile, va premesso. E questa cosa rende le posizioni di entrambe le categorie insostenibili.

Quello che le rende ancora più assurde, e che attesta il successo di una via basata non più sulla chiusura ad oltranza, ma sulle restrizioni modulate e su una campagna vaccinale, sono una serie di differenze tra i due sistemi ed una sola, unica, ma fondamentale, eguaglianza.

Contagi in aumento nel Regno Unito: le differenze

Tra le differenze evidenti vi è una forte differenza nel tasso vaccinale.

Sappiamo che nessuna creazione umana ha un tasso di successo del 100%. Nessuna.

Fatto noto al resto del genere umano sostanzialmente da quando abbiamo cominciato a interrogarci sulla nostra natura: un’entità imperfetta non può creare creazioni perfette, tantomeno potrebbe un essere perfetto e supremo, che sarebbe “usurpato” dalla sua creazione.

I vaccini, nessun vaccino, ha un tasso di efficiacia al 100%, ma ci si avvicina abbastanza, abbattendo come abbiamo visto ogni rischio legato a COVID di un ordine di grandezza.

Nel Regno Unito solo il 67% della popolazione totale ha concluso il ciclo vaccinale, col 72% ad aver ricevuto solo una dose.

In Italia il 70%, col 77% ad aver ricevuto almeno una dose.

Il che significa che, escludendo i bambini ancora destinatari di un vaccino per la loro fascia di età, la percentuale di almeno parzialmente protetti è del 85,67% mentre l’81,40% è completamente vaccinato.

Per prima cosa quindi gli Italiani sono in vantaggio sulla vaccinazione, con un numero maggiore di persone in grado di resistere maggiormente al contagio e nella soglia tale da giustificare un rallentamento dei contagi.

Inoltre il Regno Unito ha scelto di abbandonare ogni restrizione.

L’Italia ha scelto una via di mezzo: non più chiusure a oltranza, ma neppure l’abbandono.

La vigilanza sul rispetto delle misure di distanziamento sociale passa dalla conservazione del sistema a fasce cromatiche, l’obbligo di mascherine nei locali interni e l’obbligo del Green Pass per l’accesso ai servizi al chiuso.

Laddove in Inghilterra le restrizioni sono state perlopiù abbandonate tornando alla vita pre-pandemica, l’Italia ha scelto, tra il folle abbandono e la chiusura arbitraria, di cominciare una lenta marcia verso la normalità in sicurezza.

Grazie al Green Pass riusciamo ad andare al cinema, al ristorante, a lavorare e studiare senza l’aleggiante spettro di una DAD a tradimento o delle chiusure improvvise, sommando più misure protettive e contenitive assieme e accertandoci vi siano.

La sostanziale uguaglianza

I contagi salgono, ma non i ricoveri e non le terapie intensive.

L’assenza di misure di contenzione, dell’uso delle mascherine al chiuso e dei limiti di accesso ad eventi e attività al coperto per numero, mascherina e Green Pass pesa, ma chi si ammala lo fa di forme paucisintomatiche, o comunque non necessitanti ricovero ospedaliero.

Per ora quindi non c’è una vera emergenza: avrebbe probabilmente evitato l’aumento marcato una situazione simile a quella italiana: né chiusura a oltranza né antivaccinismo, ma una campagna vaccinale prossima all’80% e diretta a involarsi verso l’85% se non il 90% e l’uso di strumenti per assicurarsi dell’avvenuta vaccinazione, aumentare il tracciamento e mantenere misure di igiene e sicurezza rafforzate al chiuso.

L’inverno potrebbe causare una convergenza di COVID19 e Influenza, che potrebbe rendere nuove misure necessarie.

Ma la via Italiana per ora si sta confermando eccellente: l’anno scorso, senza la Variante Delta, ancora più contagiosa, eravamo già ad un aumento esponenziale e scarsamente controllabile dei contagi.

 

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

ATTENZIONE - L'articolo verrà successivamente completato con un FACT-CHECKING COMPLETO, ma per ora presenta un TAG PROVVISORIO con le informazioni fino ad ora raccolte per bloccare la viralità di eventuali bufale. La metodologia è spiegata nella seguente sezione: https://www.bufale.net/fact-checking-prearticoli

Latest News