COMPLOTTISMO Lettera a chi sostiene l’obbligo vaccinale – bufale.net

di Redazione-Team |

COMPLOTTISMO Lettera a chi sostiene l’obbligo vaccinale – bufale.net Bufale.net

Sta pervenendo uno scartafaccio anonimo variamente attribuito di copincolla in copincolla, anzi, più che pervenendo viene spammato dagli stessi soggetti inclini a fare il gioco della vittima su pagine come la nostra un testo, una “lettera a chi sostiene l’obbligo vaccinale”, pregno di complottismo.

Proveremo a smontarlo e replicarvi

Ti svelo un segreto, a te che sostieni l’obbligo vaccinale: il bersaglio di questa strategia, di tutta questa strategia, dalle epidemie con morti inventati fino dall’obbligo, dalla radiazione dei medici eretici alle esclusioni dagli asili, dai sindaci che invocano roghi a gelatai che vietano accessi, dai dottori arroganti che insultano genitori e pazienti dubbiosi fino ai NAS che indagano le autocertificazioni delle mamme – il bersaglio di tutto ciò non sono i no-vax. Dei no-vax non importa niente a nessuno: non contano nulla né commercialmente né politicamente né socialmente e non minacciano in alcun modo la salute pubblica. Una percentuale di cittadini che rifiutano di adeguarsi è del tutto fisiologica, in ogni tipo di società. Ci sono sempre stati, ci saranno sempre. Te li hanno sbandierati davanti al naso di proposito, come il drappo rosso davanti al toro. Non è a loro che puntano: il bersaglio sei tu.

Morti inventati?

Cioè, scusate: prima di urlare al gomblotto, siete pronti ad andare uno, per uno, alle vittime di malattie vaccinabili come il morbillo, e chiedere perdono per le vostre insolenze?

Davvero voi ritenete che esista un megacomplottone in grado di creare 130mila piccole tombe dal nulla e coinvolgere centinaia di famiglie in tutto il mondo?

Un gomblotto così enorme da colpire gli stessi sostenitori dell’antivaccinismo?

Vi rendete conto che se un’organizzazione del male del genere, che immaginiamo sulla falsariga dei cattivi dei telefilm come la Spectre o il malvagio Dottor X, l’Uomo Veramente Cattivo che affligge Action Man, probabilmente questa lettera aperta neppure esisterebbe perché chiunque provasse a pubblicarla si troverebbe, ancora prima di riuscire a premere il tasto “invia”, una segreta forza paramilitare o cosa altro in casa pronta a portarselo via e riempirgli il computer di pornografia con nani, frustini e cocomeri pieni di panna per occultare tale “grave” minaccia?

Big Pharma, incarnato per l’occasione da “Un Uomo Veramente Cattivo”

Radiazione dei medici “eretici”? Guardate, ogni ordine professionale ha delle regole. Se non volevate sottostarvi, perché non cambiare lavoro?

Dottori che insultano pazienti? Oh, sì, davvero?

Come il quantomeno perplimente personaggio che, ricordiamo, giusto questa settimana si è “buttato” a capofitto nelle nostre segnalazioni inventandosi “lettori che hanno minacciato di morte i novaxx” salvo poi arretrare quando gli abbiamo ricordato che a nessuno piacciono i bugiardi, ed essi vengono sempre puniti?

NAS che indagano le autocertificazioni delle mamme?

Davvero? Allora la menzogna l’avete nel DNA. Sapete che un’autocertificazione viene sempre compilata consapevoli delle responsabilità civili e penali?

È ovvio che l’ente che riceve autocertificazioni, anche relative alle vaccinazioni, controlli le stesse.

Voi mandereste i vostri non-vaccinati figli in una scuola dove un pedofilo pluricondannato incapace di controllare i suoi istinti ha autocertificato di essere incensurato e quindi controllare le sue dichiarazioni sarebbe un “abuso”?

Dareste un fucile in mano ad un violento conclamato, uno stalker che molesta e insegue donne, perché ha autocertificato di avere tutte le condizioni necessarie?

Mi dite perché una persona onesta dovrebbe temere che le sue autocertificazioni siano verificate? Perché se sono false, tanto onesta non è, dato che la falsità in atti è un reato.

Una percentuale di cittadini che non rispettano le regole è fisiologica? Eccerto, lo sappiamo.

Ne vediamo tanti di furbetti che parcheggiano nel posto dei disabili belando

un minutino! Devo fare la spesa!

Ne vediamo tante di persone pronte ad invocare la testa del politico corrotto e poi minacciare il vigile che gli ha appena fatto la multa.

Ce ne sono tanti di furbetti che ogni giorno piegano le regole: è per questo che abbiamo le regole.

Le regole servono per proteggerci dai furbetti: e tu che invochi il tuo diritto ad esserlo non stai facendo una bella figura

Quello che vogliono è che tu, e decine di milioni di altre persone, seguiate un percorso mentale ben preciso, studiato a tavolino. Il percorso è questo:
– voglio essere una persona intelligente, per questo sto con la scienza.
– la scienza dice che i vaccini sono sicuri e necessari, per cui ci credo.
– una minoranza esagitata non si fida, quindi io sono migliore di loro.
– la scienza dice che i bambini sono in pericolo, quindi occorre vaccinarli per proteggerli.
– io sono una brava persona, voglio proteggere i bambini.
– chi dubita dei vaccini non vuole proteggere i bambini, è una persona cattiva e/o ignorante.
– è dunque lecito obbligarli.
Conclusione: io sono una brava persona intelligente = io sono a favore dell’obbligo vaccinale.

Domani, quando metteranno l’obbligo vaccinale anche per te, dirai: beh, certo, voglio continuare ad essere una brava persona intelligente, non voglio diventare di colpo un ignorante incivile antiscientifico.

No caro mio, il discorso è diverso.

Non è la propaganda a renderti migliore di un esagitato: è il non essere un esagitato.

Ad esempio, non ricorrendo ad una lettera finti appelli ripieni di retorica.

Ma quello che di fatto stai accettando non ha NULLA a che fare con la Salute Pubblica, con la scienza o con i vaccini. Non riguarda alcuna malattia né la salvezza di alcun bambino. Quello che stai riconoscendo allo Stato è il diritto di violare l’integrità fisica del tuo corpo.

È il principio che lo Stato, ma più in generale una qualche “autorità competente”, basandosi su una qualche teoria che tu nemmeno devi comprendere, possegga il diritto di iniettare sostanze nel tuo corpo. Di sperimentare sul tuo corpo, col tuo corpo, nel tuo corpo. Il diritto di violare il tuo corpo, senza bisogno del tuo permesso. Persino se tu non sei d’accordo. Persino se ti opponi.

Se te lo avessero dichiarato subito in questi termini, prima di questa scemenza vaccinale, prima di farti conoscere e disprezzare i no-vax, prima di rimbambirti con bambini minacciati da epidemie fantasma e rischi di estinzione, avresti risposto: “manco per il cazzo”.

Invece, se non oggi, tra qualche mese o anno spesi a odiare i no-vax antiscientifici, e a convincerti che tu sei quello intelligente, preoccupato per bambini e immunodepressi, un cittadino modello per il bene dell’umanità, insomma dalla parte giusta – ecco, se non oggi, quando te la gireranno addosso, tu accetterai sorridendo.

Immaginiamo di avere una macchina rotta.

Tu, automobilista, porti la tua macchina dal meccanico indicato dalla concessionaria.

Arriva il nostro amico complottista e urla tu ti pieghi alle autorità competenti! Tu stai riconoscendo alla casa automobilistica il tuo diritto a violare la tua libertà! Fai riparare la macchina da mio cugino!

Ma tuo cugino, dite voi, è un meccanico che lavora spesso col mio modello di automobili? No, perché il mio meccanico è certificato…

Le certificazioni sono la kasta! Come ti permetti di odiare mio cugino che ha sedici anni ed è bravo coi motori? Devo dire a mio cugino che hai detto che lo odi? Devo dirgli che hai detto che è un inacapace? Ora glielo dico così mio cugino se non gli fai riparare la macchina viene a lamentarsi da te e magari ti ammazza di botte, stron*o! Prima ti scrive una lettera poi ti aspetta sottocasa con la chiave inglese e fa bene! Se non ti avessero detto questa scemenza che solo i meccanici certificati possono riparare la tua preziosissima Mercedes in garanzia ci metteresti mani tu stesso col fil di ferro e due bulloni del ferramenta!

Per quieto vivere tu cedi: ed un ragazzino di 16 anni comincia a smanacciare sulla centralina della tua nuovissima Mercedes, decide di darti una pulita alla testata con la Coca Cola perché “tanto è tutto acido” e il giorno dopo sei ridotto ad un ammasso di carne e sangue in una Mercedes sfracellata contro un platano sulla statale.

I no-vax non accetteranno mai, ovviamente. Ma dei no-vax non gliene è mai fregato niente: sono pochi e non contano un cazzo. È te che volevano portare ad accettare questo, perché “te” significa decine di milioni di persone che invece di ribellarsi e lottare con tutte le loro forze per difendere il diritto all’inviolabilità del proprio corpo, come avrebbero fatto prima di tutta questa messinscena, dopo di essa si troveranno a gridare: “Sì! È giusto obbligare! Obbligatemi!”

Ovviamente lo faranno una categoria per volta. Hanno già cominciato a provarci, ma sono ancora dei test, giusto per saggiare il terreno, giusto per controllare le tue reazioni. Piccole spintarelle di prova. Infermieri, medici, maestri, cuochi delle mense, mestieri a contatto col pubblico… un gruppo per volta, per avere meno resistenza possibile, per poter continuare nel frattempo ad usare il coro rombante del resto del gregge, tutto impegnato a belare in coro: “ignorante, antiscientifico!” a chiunque provasse a sollevare dubbi, a dire che non è d’accordo. E se anche una piccola parte, magari una categoria intera, facesse marcia indietro, si ribellasse, sarebbe poca roba. Avrebbe contro tutti gli altri. Sarebbe comunque una piccola percentuale. Come i no-vax, non conterebbe un cazzo.

Tanto ignora le minime basi della materia chi ha redatto questa lettera, che ignora come il personale medico e sanitario sia già sottoposto, giustamente, ad obbligo vaccinale.

Il perché l’abbiamo descritto, non a caso, sottoponendo a fact checking l’ennesima bufala di rango antivaccinista.

Mettilo bene a fuoco: lo scontro è stato creato per questo motivo. I “no-vax” c’erano già, i “pro-vax” non esistevano. Tutto questo bailamme è stato messo in piedi solo per crearli. Per farti schierare dove ti stai schierando.

I no-vax esistevano dall’inizio: anche i “pro-vax”.

Ma studiatelo un libro di storia: Edward Jenner provò il primo vaccino su se stesso, personalità come Koch e Pasteur hanno dedicato la loro vita allo studio ed alla diffusione delle idee di Jenner.

Certo, naturalmente, per voi Koch e Pasteur sono meno importanti di Goccediluna79, laureato all’Università della Vita con master di “spammo lettere aperte complottiste nei commenti”

Ma per favore, non prendeteci per il sedere.

Ve lo hanno persino dichiarato, nel modo più chiaro possibile. Vi hanno detto che siete un gregge. Vi hanno detto che dovete comportavi come un gregge. Vi hanno condotto a *volervi* comportare come un gregge.

E anche se ti parrà assurdo, i vaccini non c’entrano niente. Funzionano bene per questo processo, offrono gli elementi perfetti per spingerti a questa adesione, per fartela sembrare una “tua decisione”, ma non c’entrano niente. Come non c’entrano nulla la scienza o il senso civico o gli immunodepressi o la salute pubblica. Sono tutti soltanto strumenti per determinare un processo di modificazione percettiva di massa. Un processo il cui bersaglio siete voi.

Veramente, il bersaglio siete invece voi: gente che ha dichiarato guerra ai bambini immunodepressi per colmare il loro bisogno di sentirsi “qualcuno contro il potere”

E ve la prendete coi bambini. Sognando il malvagio Dottor X.

Hanno fatto di voi stessi i fanatici sostenitori della violazione del vostro diritto sul vostro corpo. Vi hanno raggirati talmente bene che senza nemmeno capirlo sostenete e sollecitate la violazione del più fondamentale dei vostri diritti.

L’obiettivo di tutto questo teatro non è eradicare il morbillo.
È eradicare il diritto all’inviolabilità del proprio corpo.

Il bersaglio non sono mai stati i no-vax.
Il bersaglio sei sempre stato tu.

No, guarda: il bersaglio siamo noi. Di voi che cercate di colpirci col vostro spam.

Ma ora basta: il bersaglio si ribella.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News