C’è finalmente pace nei gruppi WhatsApp: i 10 comandamenti per evitare un ban

di Redazione Bufale |

Gruppi WhatsApp
C’è finalmente pace nei gruppi WhatsApp: i 10 comandamenti per evitare un ban Bufale.net

Sempre più spesso si usano i gruppi WhatsApp per alimentare bufale e truffa. A volte in modo consapevole tramite malintenzionati, altre volte in buona fede. Ciò non toglie che, a causa di determinati personaggi, l’esperienza maturata tramite questa ormai famosissima app di messaggistica rischia ormai di essere compromessa. Ecco perché oggi possiamo mettere in evidenza almeno 10 regole d’oro che in futuro si dovranno seguire e rispettare ad ogni costo per scongiurare il pericolo di un ban.

Dopo questa breve introduzione, riteniamo giusto condividere con voi quanto riportato da Hwupgrade, con cui potremo prendere in esame dei veri e propri comandamenti. L’auspicio è che la qualità delle chat possa migliorare, ma ance quella delle conversazioni nei gruppi WhatsApp, perché si stanno raggiungendo livelli così intollerabili che, come accennato, potrebbero portare ad un ban:

Gruppi WhatsApp
Gruppi WhatsApp
  • Non sarà possibile inviare messaggi con contenuti illegali, osceni, diffamatori, oppure contenenti minacce
  • Non sarà possibile inviare messaggi che in qualche modo sostengono crimini violenti
  • Non sarà possibile dar vita ad un falso account di una persona, peggio ancora fingere di avere un identità diversa dalla propria
  • Non si potrà inviare un numero elevato di messaggi a coloro che non figurano tra i propri contatti
  • Non si potranno modificare i codici di WhatsApp
  • Non si potranno inviare virus, indipendentemente da come questi si presentano
  • Non si potrà tentare di hackerare i server
  • Usare WhatsApp Plus, in quanto ritenuta applicazione non ufficiale e, quindi, poco gradita al team WhatsApp
  • Non potrete essere bloccati da molti utenti (numero da definire per determinare il ban dall’app)
  • Non potrete essere segnalati da molti utenti (anche qui numero da definire)

Insomma, un altro punto di riferimento per tutti gli utenti che, soprattutto all’interno dei gruppi WhatsApp, sono costantemente bersagliati da messaggi e contenuti ritenuti fastidiosi. Dopo la scadenza del 12 novembre sul fronte backup, con apposito articolo dove troverete l’approfondimento del caso, tocca dunque prendere in esame in senso generale una serie di regole da rispettare e da far rispettare per chi rendere meno gradevole il vostro utilizzo quotidiano della tanto amata app di messaggistica.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News