BUFALA Volo 9525 Germanwings la Russia conferma il laser Hellads – Bufale.net

di David Tyto Puente |

BUFALA Volo 9525 Germanwings la Russia conferma il laser Hellads – Bufale.net Bufale.net

bufala-germanwings-laser-hellads-fake
In ogni notizia che circola online bisogna sempre analizzare la fonte, che potrebbe essere attendibile o meno. A volte vengono prese come fonti quelle che a loro volta citano altre fonti ma senza riportare nomi, date o link riportanti informazioni utili a verificare quanto riportato. È il caso del presunto rapporto  del Ministero della Difesa russo in merito al volo 9525 Germanwings, dove i russi sarebbero certi che l’aereo sarebbe stato abbattuto da una potentissima arma americana, il raggio Hellads (High Energy Liquid Laser Area Defense System).
L’articolo che ci segnalano è quello pubblicato dal sito Ecplanet.com dal titolo “Volo 9525 Germanwings: la Russia conferma il laser Hellads” lo scorso 19 aprile 2015. L’articolo parla del precedentemente citato comunicato del Ministero della Difesa russo:

Secondo un rapporto del ministero della difesa di Mosca, ripreso da “ReteNews24”, il velivolo è esploso in volo, prima ancora di finire contro le montagne. In pratica, un replay del caso Ustica.

A questo punto dobbiamo parlare del sito ReteNews24, un sito noto a Bufale.net, e dell’articolo del 9 aprile 2015 dal titolo “Giallo Germanwings, nello stesso punto scomparsi 14 aerei: “Erano giochi di guerra”“, il quale riporta quanto segue:

A supporto che sulle Alpi quel giorno non volavano soltanto aerei civili viene citato un rapporto del Ministero della Difesa russo che scrive dell’allarme lanciato dalla nave Severomorsk, operativa nel Mediterraneo. Nave che «aveva riferito di diffuse anomalie elettriche nell’atmosfera rilevate tra il sud della Francia, l’Italia e il sud-ovest della Svizzera».

Quanto riporta ReteNews24 è totalmente diverso da quanto affermato nell’articolo di Ecplanet.com. Il primo parla di un rapporto che cita un presunto allarme lanciato da una nave russa nel mediterraneo in merito a delle presunte anomalie elettiche, mentre il secondo parla del velivolo esploso in volo.
Teoricamente basterebbe quanto scritto qui sopra per parlare di disinformazione, ma dobbiamo cercare una fonte non citata da Ecplanet.com e da ReteNews24 o siti che riportino in date precedenti la teoria del raggio Hellads e il Ministero della Difesa russo per ulteriore sicurezza.
Il volo 9525 Germanwings precipitò nel suolo francese il 24 marzo 2015, due giorni dopo fu il sito “Aurora” (aurorasito.wordpress.com) a parlare di un rapporto del Ministero della Difesa russo nell’articolo dal titolo “Un test degli USA avrebbe distrutto l’aereo della Germanwings“:

Il Ministero della Difesa russo (MoD) segnalava che dispacci della Flotta del Nord (NF) sembravano indicare che l’abbattimento del Volo 4U9525 della Germanwings, nel sud della Francia sia il “risultato diretto” di un fallito test dell’US Air Force con il suo High Energy Liquid Laser Area Defense System (HELLADS) nel tentativo di abbattere un veicolo di rientro di un ICBM, ma che invece ha distrutto l’aereo civile uccidendo i 150 passeggeri a bordo. Secondo il rapporto del MoD, la Flotta del Nord, già in allerta, fu avvertita dell’incidente dalla nave antisom Severomorsk, attualmente operativa nel Mediterraneo, che aveva riferito di diffuse anomalie elettriche atmosferiche rilevate sul sud della Francia, l’Italia occidentale e il sud-ovest della Svizzera.

In questo articolo, che non è altro che la traduzione di quello pubblicato il 25 marzo 2015 dal sito Eutimes.net (“US Laser Test Destroys Germanwings Airliner Killing 150 Innocent Civilians“), troviamo gli elementi citati dal sito Ecplanet.com, ossia la segnalazione del Ministero della Difesa russo e l’esplosione in volo del velivolo causata dal raggio Hellads.
In un continuo “rimbalzo” di fonti, l’articolo pubblicato da Eutimes.net non è altro che un copia e incolla dell’articolo pubblicato il 25 marzo 2015 dal sito Whatdoesitmean.com dal titolo “US Laser Test Destroys Germanwings Airliner Killing 150 Innocent Civilians“. A quanto ci risulta questo è il primo articolo uscito in merito a questa teoria.
Stiamo parlando fino adesso di teorie e supposizioni, tra cui anche quella riguardante il complotto dell’abbattimento del Volo MH17 della Malaysia Airlines:

Mentre molti piloti tedeschi si rifiutano di volare per via di tali esercitazioni degli Stati Uniti contro la Federazione russa, la nota conclude che la probabilità che agli occidentali sia raccontata la verità sul Volo 9525 della Germanwings è la stessa di quella sul Volo MH17 della Malaysia Airlines, cui foto satellitari ne dimostrano l’abbattimento da parte di un caccia ucraino, cioè… Zero. E se gli occidentali volessero sapere la verità sulle innumerevoli vite distrutte dai loro capi militari in guerre simulate? Nessuno saprebbe la risposta.

Nell’articolo di Aurora non vengono riportate le stesse immagini dell’articolo tradotto, riprese a loro volta dal sito Whatdoesitmean.com. La foto satellitare riportata è la seguente:
fake-foto-satellitare-Malaysia-airlines-aereo-ucraino
Una foto satellitare falsa, creata ad arte usando Google Earth, la foto di un aereo che non è lo stesso della Malaysia Airlines (un Boeing 767 anziché il modello 777 dell’aereo abbattuto) e di un aereo da caccia (Su-29) che non corrisponde a quello citato dai russi (Su-25) all’epoca della sua diffusione.
confronto-aerei-2
Anche lasciando perdere il sito Whatdoesitmean.com, dovremmo cercare la fonte delle fonti, ossia il Ministero della Difesa russo. Nell’articolo di Whatdoesitmean.com viene linkato il sito del Ministero, ma solo l’home page. Possibile che non ci sia un riferimento specifico? Se cerchiamo nel sito del Ministero, sia in lingua inglese che in lingua russa, non troviamo alcun riferimento che parli della nave Severomorsk (Североморск) e delle presunte anomalie elettriche nella data del disastro aereo. Al massimo troviamo un articolo del 24 marzo 2015 delle ore 20:35 (il Volo 9525 Germanwings cadde alle ore 10:47) e non cita alcun dato sopra riportato. Se il Ministero della Difesa russo avesse realmente stilato un rapporto del genere lo avrebbe pubblicato e sventolato in prima pagina del proprio sito istituzionale, per non parlare di tutti i media russi.
Abbiamo cercato ulteriori siti in lingua russa che nella data del 24 e del 25 marzo 2015 abbiano citato questo misterioso rapporto del Ministero della Difesa russo, ma la fonte degli articoli trovati è sempre il sito Whatdoesitmean.com.
Dopo avervi spiegato il “rimbalzo” di fonti, è doveroso raccontarvi la vera storia del sito Whatdoesitmean.com.

Logo/testata del sito whatdoesitmean.com
Logo/testata odierna del sito Whatdoesitmean.com

L’articolo pubblicato da questo sito dalla grafica “anni 90” è a firma “Sorcha Faal“. Nella sua Homepage (salvata anche su web archive) leggiamo le informazioni di questa presunta autrice:

sister-maria-theresa-sorcha-faal-order
Sister Maria Theresa is the 73rd Sorcha Faal of the Sorcha Faal Order, Elected as Mother Superior 3 February 2007

Quindi si tratterebbe di una “suora”, “sorella Maria Theresa”, eletta “madre superiore” nel 2007 dall’ordine chiamato “Sorcha Faal”. Capite già i miei dubbi a riguardo, così continuo ad indagare. Cercando informazioni su questo presunto “ordine”, scopro che nel 2005 Sorcha Faal sarebbe una presunta ricercatrice russa che scrive, guarda caso, proprio nel sito Whatdoesitmean.com.
Ecco uno screenshot del profilo della presunta ricercatrice tratto da web archive e risalente al 2005, profilo che ora parla di “sorella Maria Theresa”:

sorcha-faal-scienziata-russa
Sorcha Faal is an International Researcher and Author who goes beyond the simple explanations used to explain today’s issues. “Life is meant to be more than accepting our world as separate pieces; everyone must see the interconnectedness of everything.” She is fond of saying. As a child growing up in St. Petersburg, Russia, Sorcha’s life mirrored others of her generation in experiencing in education and life an experience of freedom, thought and religion not known to her parents or grandparents.

Notate bene che il loro/testata del sito è diverso, non più “mistico” come quello odierno e riportato nel nostro articolo. La foto della presunta ricercatrice russa è ben diversa da quella pubblicata oggi e associata a “sorella Maria Theresa”. Lo specifichiamo nel caso qualcuno potesse immaginare che nel frattempo la ricercatrice avesse intrapreso, appunto, la via religiosa. Basterebbe comunque vedere i due profili per verificare che non hanno nulla in comune. Se la foto odierna è quella della ricercatrice russa potremmo dire che a distanza di 10 anni sarebbe addirittura ringiovanita.

Vecchio logo/testata del sito Whatdoesitmean.com
Vecchio logo/testata del sito Whatdoesitmean.com

A questo punto provo a ricercare ancora di più nel passato di questo sito, e scopro che nel 2004 non c’era il nome di Sorcha Faal, bensì quello di un tale David Booth ritenuto come il fondatore di Whatdoesitmean.com:

david_booth
Founder of this site:
David Booth is an internationally known psychic, researcher, and author who has appeared on numerous television (BBC, In Search Of, 20/20, etc.) and radio programs and whose unique life story has been featured in numerous magazine articles, books, and websites throughout the world.
David Booth also remains to this day the only person in the world to have had a pre-cognitive experience fully documented prior to the event by a government agency.

In questo caso abbiamo un misto tra “ricercatore” e “mistico”. Che il sito sia stato fondato da David Booth e poi “donato” o passato di proprietà alla ricercatrice russa dal nome tutt’altro che russo ed infine diventata una suora dell’ordine di “Sorcha Faal”? Dietro c’è la stessa persona.
Leggendo la pagina relativa alle informazioni sulla Privacy, odierna e quella risalente al 2012, leggiamo quanto segue:

About Information:
WhatDoesItMean.Com is an Alternative News Website dedicated to providing our users with the latest news from around the World.
[…]
Book Order Notes:
Orders are usually shipped within the same business week that orders are placed, with the exception being certain Special Editions that are personally signed by the author.
In the event that a publication you have ordered is out of print we reserve the right to substitute a book of equal or greater value.
No refunds are given once your order has been shipped as they are printed upon your ordering them.
Contact Information:
For Sales Questions and/or Comments: sales@whatdoesitmean.com
For Problems with this site: webmaster@whatdoesitmean.com
To contact Sorcha Faal: sorchafaal@fastmail.fm
Phone Contact: Administrative/Technical Issues (United States) + 00 1 202 643 7286
WhatDoesItMean.Com is a wholly owned of subsidiary of Long Trail Acres Publishing LLC
Address: 848 North Rainbow Blvd. #2098 Las Vegas, NV 89107

Secondo quanto riportato, il sito sarebbe addirittura una società, con sede a Las Vegas (Google Maps), di proprietà della Long Trail Acres Publishing LLC.
Quindi, per gli amanti della cospirazione, del complottismo e del mondo del mistico, siamo di fronte ad un sito che sarebbe stato fondato da un “mistico veggente”, poi da una ricercatrice russa e successivamente da una suora e madre superiora dell’ordine “Sorcha Faal”, ma infine il sito sarebbe proprietà di una casa editrice americana che vende libri negli Stati Uniti.
Dove si trova il server del sito? Ovviamente negli Stati Uniti d’America (Virginia), anziché in Russia dove, seguendo le teorie del complotto, dovrebbe essere “al sicuro”.
whois_whatdoesitmeans
Alla fine tutto questo è solo un contorno. Sempre nella pagina relativa alle informazioni sulla Privacy troviamo il famoso e tanto amato Disclaimer. Leggiamo soprattutto l’ultima parte:

disclaimer-whatdoesitmean
Disclaimer:
Every attempt has been made to ensure the information contained herein is valid at the time of publication. WhatDoesItMean.Com however, reserves the right to make changes, corrections and/or improvements at any time and without notice. In addition, WhatDoesItMean.Com disclaims any and all liability for damages incurred directly or indirectly as a result of errors, omissions or discrepancies.
This site is provided “as is” without warranty of any kind, either expressed or implied. You should not assume that this site is error-free or that it will be suitable for the particular purpose which you have in mind when using it.
In no event shall WhatDoesItMean.Com be liable for any special, incidental, indirect or consequential damages of any kind, or any damages whatsoever, including, without limitation, those resulting from loss of use, data or profits, whether or not advised of the possibility of damage, and on any theory of liability, arising out of or in connection with the use or performance of this site or other documents which are referenced by or linked to this site.
Some events depicted in certain articles on this website are fictitious and any similarity to any person living or dead is merely coincidental. Some other articles may be based on actual events but which in certain cases incidents, characters and timelines have been changed for dramatic purposes. Certain characters may be composites, or entirely fictitious.

Praticamente si ammette che alcuni degli eventi descritti negli articoli del sito sono fittizi e che qualsiasi riferimento a qualsiasi persona morta o vivente è puramente casuale, che alcuni temi sono basati su eventi reali e che i personaggi e i dati temporali degli avvenimenti sono stati modificati a fini drammatici.
Tornando alla Homepage del sito, da cui sono risalito alla pagina relativa alla Privacy e al Disclaimer, notiamo una nota interessante in fondo alla pagina:

footer-home-page-whatdoesitmean
WhatDoesItMean.Com Is One Of The Top Ranked Websites In The World For New World Order, Conspiracy Theories And Alternative News

Insomma, un bel “logo massonico” (che potrebbe creare a sua volta un “loop mentale” a chi crede alle teorie di complotto) e una bella nota per vantarsi di essere presente nelle classifiche dei siti che parlano di “Nuovo Ordine Mondiale”, “Teorie di cospirazione” e “Notizie alternative”.
Qualcuno, invece, ha preferito sostenere che la fonte della notizia riguardo l’uso del raggio Hellads fosse un agente della C.I.A.
agente-della-cia
Concludiamo citando l’articolo pubblicato dal sito Russia.it, precisamente dal Blog a cura di Ennio Bordato,  lo scorso 21 aprile dal titolo “Volo 9525 Germanwings: la Russia conferma il laser Hellads“.
russia-it-germanwings-laser-hellads
 
L’articolo non è altro che il copia e incolla del testo pubblicato dal sito Ecplanet.com nell’articolo “Volo 9525 Germanwings: la Russia conferma il laser Hellads” dello scorso 19 aprile 2015. L’autore riporta correttamente il link della sua fonte a fine articolo.
russia-it-germanwings-laser-hellads-fonte
Ennio Bordato è l’incaricato per il Trentino del Consolato Russo di Bolzano:
consolato-russo-bolzano-incaricato
Qualcuno potrebbe aver pensato: “Se lo dice l’incaricato per il Trentino del Consolato Russo di Bolzano potrebbe esserci un fondo di verità“. Tuttavia, come vi abbiamo spiegato in questo articolo, anziché riportare il presunto rapporto del Ministero della Difesa russo le fonti riportate sul blog ospitato da Russia.it sono il copia e incolla di un sito che a sua volta riprende dati forniti da altri siti che riportano la storia di un sito americano, creato per la vendita di libri sulle teorie di complotto in America, e che dichiara apertamente di contenere informazioni fittizie e modificate a fini drammatici.
 

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News