BUFALA Shock! La carne bovina infettata da AIDS, sequestri in tutta italia. è allarme! (VIDEO) – bufale.net

di Shadow Ranger |

BUFALA Shock! La carne bovina infettata da AIDS, sequestri in tutta italia. è allarme! (VIDEO) – bufale.net Bufale.net

Ci segnalano i nostri contatti il seguente articolo, rilanciato in questi giorni da TGCom24News (camera dell’eco che imita i marchi di TGCom e Sky Tg24) e svariati altri portali.

Oltre 650 persone indagate tra allevatori, stalloni, veterinari e autotrasportatori. Sequestri per oltre 40 milioni di euro, ma la maggior parte delle carni macellate purtroppo è già arrivata nei nostri supermercati.
Ore 05:45-L’operazione maxi sequestro messa in atto dai Nas è scattata all’alba, partendo da Torino, passando per Roma, Verona, Potenza, Brindisi, fino a Palermo. Tonnellate di carne infetta sono state sequestrate, 5 i casi di contagio, ricoverati al reparto malattie infettive del policlinico Gemelli di Roma.
I capi di bestiame allevati e macellati in condizioni igenico sanitarie terrificanti non venivano sottoposte ai regolari controlli veterinari. Il focolaio d’infezione era un mattatoio a Montpellier, secondo gli inquirenti presso il mattatoio della cittadina francese erano stati macellati bovini affetti AIDS e le carni ottenute destinate al mercato alimentare. Inoltre, i residui derivanti dal processo di macellazione degli animali venivano raccolti in una vasca la cui costruzione non era mai stata autorizzata dagli organi competenti e con una capienza insufficiente a contenere tutti i liquami prodotti con la lavorazione. Liquami, da considerare a tutti gli effetti rifiuti pericolosi, che venivano fatti confluire liberamente nei terreni circostanti.
Il Ministro della Sanità Beatrice Lorenzin ha dichiarato lo stato di allarme epidemia da virus HIV.
I sequesti continueranno incessantemente su tutto il territorio italiano, nel frattempo viene emanato il divieto di acquistare e consumare carne.

E se TGCom24 in calce, molto in calce, appende una noticina in cui si appiglia alla ormai desueta e poco credibile clausola della “satira”, non tutti gli epigoni lo fanno, suscitando ulteriore allarmismo.

Avrete senz’altro riconosciuto il testo: proprio in questi giorni avevamo ripubblicato il nostro articolo di fact-checking legato alla diffusione della bufala originaria e, a suo tempo, avevamo notato come Camere dell’Eco prive di scrupoli avevano cominciato ad appendere il calce al testo originale video a caso confidando nel fatto che il “condivisore compulsivo” non avrebbe mai sostato sulla pagina il tempo necessario per riscontrare l’assenza di legami tra video e narrazione.

Ci risiamo dunque: questa volta il video fortunato riguarda il sequestro avvenuto nel 2014 di alcuni manzi di qualità contraffatta ed affetti da generiche “malattie infettive”.

Che sicuramente non possono comprendere l’AIDS, che non può aggredire i bovini.

Valgono tutte le considerazioni delle passate forme della bufala, compreso il fatto che ormai la pagina del Ministero della Salute di fact checking contro questa bufala ed altre varianti ha ormai compiuto due anni.

Ma repetita juvant, quindi riportiamo

La notizia relativa alla carne bovina infetta da Aids, che circola in questi giorni sui social network,  è “assolutamente priva di ogni fondamento, una vera ‘bufala’, perché gli alimenti di qualsiasi genere non possono contenere il virus Hiv, né tantomeno causare un’infezione da questo virus”.

Così tranquillizzano gli esperti dell’Istituto superiore di sanità (Iss) sul sito Uniti contro l’Aids, in merito alla falsa notizia on line secondo cui ci sarebbero stati sequestri in tutta Italia di quintali di carne infetta da Aids.

In caso di dubbi o per maggiori informazioni è possibile chiamare il telefono verde Aids e Ist (Infezioni sessualmente trasmesse) 800.861.061, attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 13.00 alle 18.00, o consultare il sito Uniti contro l’Aids.

“Il virus Hiv è in grado di infettare solo l’uomo – chiariscono gli specialisti – e alcune specie di scimmia e si inattiva rapidamente quando esposto all’aria aperta. Le uniche vie di contagio di questa infezione rimangono pertanto i rapporti sessuali con persone che vivono con l’Hiv non protetti da preservativo, lo scambio immediato di sangue infetto tramite siringa, nonché la trasmissione verticale da madre Hiv positiva a figlio”.

L’ennesima bufala herpes, dunque.

Tornando alla un po’ misera clausoletta sul portale da noi esaminato:

Si tratta di una notizia virale da non prendere in considerazione la redazione grazie Condividi per vedere la reazione dei tuoi amici!!

Possiamo anticiparvi che l’unico motivo per cui “bisognerebbe” condividere consiste nel portare click e visualizzazioni a chi ha coscientemente deciso di divulgare una vecchia, e pericolosa, mistificazione.

Per noi, da evitare.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News