BUFALA La cripta tutta d'oro di Padre Pio – bufale.net

di Shadow Ranger |

BUFALA La cripta tutta d'oro di Padre Pio – bufale.net Bufale.net

bufala-padre-pio-cripta
Ci è stata presentata un’immagine macro dall’inequivocabile contenuto.
cripta-padre-pioTale immagine ha tutti gli elementi per essere destinata alla viralità: contiene la denuncia di un presunto abuso, il richiamo ai bambini denutriti e poveri che avrebbero potuto essere salvati con le somme spese, ed un’immagine di ricchezza ed opulenza atta a sorprendere e suscitare indignazione.
Il problema è che questa immagine è basata su un semplice effetto ottico, e non descrive affatto la verità dei luoghi.
Di seguito mostriamo una foto dello stesso salone, riconoscibile dall’affresco sulla colonna centrale, tratta dalla pagina di Wikipedia relativa:
CriptapadrepioNotato niente di diverso? L’effetto “dorato” della prima foto è da doversi ad un semplice gioco refrattivo della fotocamera utilizzata, o da un’imperfetta tara cromatica.
Come la Città di Smeraldo del noto libro per bambini Il Mago di Oz e della sua celebre versione cinematografica, in realtà una città normalissima dove gli abitanti e visitatori erano costretti dal Mago ad indossare occhiali dalle lenti verdi per generare l’illusione di una gloriosa opera di gemme preziose, un semplice artefatto visivo ha alterato marmi e normali materiali edili in oro.
In realtà, ricorda sempre Wikipedia:

Per le dorature dei mosaici sono stati utilizzati 3 kg d’oro.

Comunque dell’oro vi è, ma di certo non nelle proporzioni faraoniche suggerite dall’immagine.
Nondimeno, tale bufala si incunea nell’arco delle critiche, ricordate sempre dal Wiki, sicché

Numerose critiche e commenti negativi hanno accompagnato la costruzione della Chiesa, indirizzati sia verso l’ingente impegno economico, per taluni contrastante le regole della povertà francescana , sia verso la valorizzazione del nome del progettista, per taluni superiore addirittura a quella del Santo stesso.

Riteniamo però che una causa legittima sia svilita e resa debole da un imperfetto vaglio delle fonti, e se solleviamo il legittimo dubbio sull’immagine proposta non è certo per prendere posizione pro o contro le critiche presenti, ma proprio perché ognuno possa farsi la sua idea e costruire il suo pensiero scegliendo le migliori basi possibili.
 
 

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News