BUFALA – Arabia Saudita: Ecco la punizione per chi legge la Bibbia – Bufale.net

di David Tyto Puente |

BUFALA – Arabia Saudita: Ecco la punizione per chi legge la Bibbia – Bufale.net Bufale.net

arabia-saudita-punizione-bibbia-bufala
Roberta ci segnala un articolo del 2013 sulle presunte punizioni per chi viene beccato a leggere la Bibbia in Arabia Saudita.
Attenzione, le immagini potrebbero impressionare un pubblico sensibile.
arabia-saudita-punizione-bibbia
L’articolo, per fortuna lo ammette, pubblica una foto di una mano distrutta da un tagliacarte (attenzione, immagini crude) come “dimostrazione”. Quindi, se vedete la foto in questi articoli sappiate che è riferita ad un incidente che non ha niente a che vedere con quello che viene raccontato nell’articolo. Purtroppo molti altri siti (italiani, americani, australiani o di altre nazioni) sostengono che la foto della mano sia proprio quella di un esecuzione in Arabia Saudita.
Le foto del prigioniero e i boia sono state scattate in Iran nel 2013. L’esecuzione era pubblica, il prigioniero era stato condannato per furto e adulterio da un tribunale di Shiraz, e dopo l’amputazione il pubblico ministero del distretto di Shiraz, Ali Alghasi, aveva annunciato che le condanne contro i criminali devono diventare sempre più gravi. Niente a che vedere con la Bibbia e la religione.
La fonte di questo articolo è un sito anti islamico pubblicato sulla piattaforma di Blog WordPress. Nell’articolo pubblicato da questo sito vediamo altre immagini che non hanno niente a che fare con le presunte torture per chi legge la Bibbia, ma sono state pubblicate per accentuare il disgusto e l’indignazione.
Ho cercato alcuni riferimenti sulle torture nei confronti di chi legge la Bibbia o contro i cristiani in Arabia Saudita. Trovo la stessa storia, stesse foto e a volte citazioni della stessa fonte quale il sito anti islamico che vi citavo prima, mentre altre storie vengono pubblicate da siti cristiani e conservatori non proprio neutrali.

LA LIBERTÀ RELIGIOSA IN ARABIA SAUDITA

In Arabia sono nati Maometto, l’Islam e dove sono presenti i luoghi di culto come la Mecca e Medina. La religione di Stato è, appunto, l’Islam.
In Arabia è vietato praticare qualsiasi altra religione in pubblico. Vale sia per i sauditi sia per gli stranieri. Proibisce il lavoro dei missionari di tutte le religioni tranne dell’Islam.
I credenti di altre religioni non hanno il permesso di riunirsi in un luogo pubblico per pregare o svolgere riti legali ai loro culti.
La pena è la detenzione o l’espulsione dal Paese, ma nessuna pena come l’amputazione delle mani, che è circoscritta ad altri reati (come il furto).
In Arabia non si è obbligati a credere nell’Islam, come non si è obbligati a pregare o svolgere le pratiche islamiche quotidiane.
Il divieto è posto per il pubblico, mentre per il privato c’è una certa tolleranza. Tuttavia ci sono casi di cristiani o di credenti di altre religioni arrestati durante dei logo incontri o perquisiti presso le loro abitazioni con l’accusa di essere dei predicatori, a volte le accuse sono state cambiate per i reati di tipo sessuale pur di sostenere qualche accusa nei loro confronti (in ogni parte del mondo, purtroppo, troveremo agenti corrotti dall’estremismo di ogni genere). A nessuno di loro è stata amputata una mano.
Attualmente il Re d’Arabia è Abdullah bin Abdul Aziz, salito al trono nel 2005. Un personaggio “rivoluzionario”, nel 2007 è stato il primo sovrano saudita a incontrare il papa e il 25 settembre 2011 annunciò che le donne potranno votare ed essere elette in politica a partire dal 2015. inoltre è a favore di un dialogo interreligioso.

CONCLUSIONI

Con questo articolo non neghiamo la presenza di punizioni in Arabia Saudita che vanno contro i diritti dell’uomo (l’amputazione delle mani per i reati di furto, le fustigazioni in caso di “cattiva condotta sessuale” o stato di ebrezza), che non potranno essere eliminate di punto in bianco (non esiste nel mondo un interruttore ON/OFF che faccia cambiare le culture e le abitudini dei Paesi in poco tempo), ma non per questo bisogna inventarne di nuove per sostenere l’odio verso una religione.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News