Svelato il mistero dello striscione 751A a Salvini: presa in giro a Palermo e in Sicilia da 800A

di Redazione |

751A

Sta girando davvero tanto sui social, da alcune ore a questa parte, uno striscione rivolto a Salvini con la scritta 751A. Chiunque ha avuto a che fare con la Sicilia e soprattutto con Palermo sicuramente ha avuto a che fare almeno una volta nella vita con la scritta 800A. Ed è questa l’origine del significato che si cela dietro il messaggio che alcune persone hanno voluto mandare al Ministro degli Interni. Abbiamo ricevuto diverse segnalazioni sulla vicenda, da parte di utenti che non sono riusciti a risalire al senso di questa sigla.

Ecco dunque quanto abbiamo raccolto sullo striscione rivolto a Salvini con scritto 751A, anche perché negli ultimi giorni questioni simili hanno creato non poche polemiche in Italia. Basti pensare a quanto avvenuto di recente a Brembate, quando un altro striscione rivolto al leader della Lega era stato rimosso addirittura dai Vigili del Fuoco da un balcone (trovate l’approfondimento su questa vicenda tramite il nostro articolo apposito). In primo luogo, cosa vuol dire 800A? In effetti tutto nasce da qui.

Secondo quanto riportato dal sito ANSA in passato, 800A è una tipica espressione che si usa a Palermo e più in generale in Sicilia, che si concentra sulla parola “suca”. Da sempre, il popolo viene scisso tra coloro che imbrattano i muri con la sigla, e chi invece tende a cancellarla. E allora perché stiamo leggendo 751A sullo striscione diretto a Salvini? Il riferimento in questo caso cade sui famosi 49 milioni di euro che la Lega deve restituire. 

Partendo da questo presupposto, dunque, c’è stata la sottrazione che ci ha portati da 800A a 751A. Insomma, una citazione del tutto geolocalizzata che ha creato forti dilemmi sui Facebook nelle ultime ore. A questo punto, però, possiamo dire di aver compreso perfettamente il significato dello striscione a Salvini mostrato in Sicilia, e per la precisione a Palermo.

Latest News