PRECISAZIONI Arriva il patentino per l’uso dello smartphone – bufale.net

di Shadow Ranger |

Ci segnalano i nostri contatti il seguente articolo, targato MSN

Si chiama Driving License ed è il patentino che i ragazzi dovrebbero ottenere per usare lo smartphone. La proposta arriva dall’Osservatorio Permanente Adolescenti Studenti, fondato l’anno scorso da un gruppo di docenti di diverse scuole superiori di Verona. Il progetto ha ricevuto il patrocinio e un contributo dall’assessorato alle Politiche Giovanili del comune veneto. “Ai ragazzini che chiedono uno smartphone per chattare con gli amici, d’ora in avanti mamme e papà potranno rispondere che prima devono passare il test per ottenere la licenza di guida”, afferma Andrea Salvetti, presidente dell’associazione e insegnante di pedagogia. A riportare la notizia il portale Skuola.net.

Come funziona

Il primo ciclo prevede quattro incontri e un esame finale da superare. Entro giugno saranno coinvolti oltre sette istituti e un centinaio di ragazzi. Due i livelli previsti: uno base per gli studenti delle medie e uno avanzato per quelli delle superiori. Ogni sessione può coinvolgere al massimo 25 ragazzi con laboratori e moduli distribuiti in momenti formativi, affiancati da psicologi, avvocati, pedagogisti e tecnici informatici. Un paio di ore, infine, sono dedicate all’incontro con i genitori.

La lettera dei genitori

Ma quello di Verona non è il solo caso del genere. Un’altra iniziativa simile proviene da Treviso, dove diverse associazioni di genitori di alunni della provincia si sono scagliate contro l’uso degli smartphone: “Se cominciassimo cercando di evitare che ai bambini delle scuole elementari, in occasione di compleanni, promozioni di fine anno o della Prima Comunione fosse già regalato il loro primo smartphone?”. Così alcuni genitori, attraverso un documento diffuso su internet, hanno voluto criticare l’uso ‘precoce’ dei dispositivi mobili, in particolare per lo scambio indiscriminato di informazioni ed immagini. I comitati, inoltre, auspicano “un ritorno del buon senso, meglio se con un accordo ampio fra tutti i soggetti educatori, genitori in primis, ma anche insegnanti, catechisti e istituzioni. Stabiliamo noi tutti assieme il momento in cui fornire il telefono ai figli e confrontiamoci per riflettere magari dandoci un decalogo comune su come accompagnare le nuove generazioni nello sconfinato mondo del digitale che noi stessi, forse, per primi e non senza colpa – concludono – conosciamo troppo poco”.

E la notizia è corretta: naturalmente, e lo precisiamo solo a beneficio del lettore frettoloso, il patentino non è e non può essere uno strumento “vincolante”, ma un ausilio genitoriale.

Sostanzialmente, come precisa L’Arena usando il termine “patentino” tra virgolette, parliamo di un essenziale ed utile strumento di autovalutazione, per cui

«Ai ragazzini che chiedono uno smartphone per chattare con gli amici, d’ora in avanti mamme e papà potranno rispondere che prima devono passare il test per ottenere la licenza di guida»

La proposta arriva dall’Osservatorio Permanente Adolescenti Studenti (O.P.Ado.S in greco significa «che accompagna»), ed ha già ricevuto i primi finanziamenti.

Il patentino assumerà la forma di un corso che insegnerà ai giovani un uso consapevole della tecnologia, coerente coi gravi rischi evidenziati da molte altre iniziative come Generazioni Connesse.

Uno Smartphone infatti non è solo un gadget ad alta tecnologia, oggetto del desiderio che riunisce in sé cellulare, console portatile per videogiochi ed un accesso ad Internet, ma un portale per tutto quello che Internet ha da offrire, nel bene e nel male.

Un portale piccolo ed occulto: quanti di voi genitori controllando regolarmente le attività su Internet della loro prole? Su un PC o una console per videogiochi è facile imporre orari e controlli, ma sul cellulare, strumento che portano sempre con loro?

Basta che un adolescente esca di casa, perché possa tuffarsi in mondo virtuale ricolmo di bufale, cyberbullismo, trappole di ogni tipo e, senza una preparazione idonea, si ritrovi nei guai per aver pensato di tormentare un amichetto dietro un monitor perché “nella vita vera prenderei botte” (esponendosi così al rischio delle gravi responsabilità, anche civili e penali, che questo comporta) oppure incline a dare corda a improbabili principi miliardari e fotomodelle che non erano esattamente principi e fotomodelle.

Il patentino sarà un ottimo strumento per genitori sovente altrettanto impreparati perché esperti in materia valutino se i loro figli sono abbastanza maturi per le responsabilità che un accesso costante alla Rete comporta.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News