NOTIZIA VERA M5S: ai deputati un’assicurazione per le punture di insetto – bufale.net

di Elisa Frare |

NOTIZIA VERA M5S: ai deputati un’assicurazione per le punture di insetto – bufale.net Bufale.net

m5s-punture-insetto

Ci hanno chiesto di verificare se la votazione presente nel finale di questo video sia vera e associata al contenuto dell’intervento di Riccardo Fraccaro, deputato del Movimento 5 Stelle.

1
Anticipiamo subito che si tratta della seduta n. 667 di mercoledì 3 agosto 2016, e l’onorevole Fraccaro espone l’ordine del giorno n. 9/Doc. VIII, n. 8/72, che tratta dello stanziamento di 350.000 euro per l’assicurazione vita e infortuni dei deputati:

   La Camera,
premesso che:
il capitolo 1130 del bilancio preventivo della Camera dei deputati per l’esercizio 2016 prevede uno stanziamento di 350.000 euro per l’assicurazione infortuni e vita dei deputati;
con apposita convenzione assicurativa, l’Amministrazione ha stipulato una polizza che prevede la copertura dei danni alla persona che possono verificarsi nei confronti dei deputati per tutta la durata del mandato parlamentare;
gli oneri derivanti da tale convenzione sono sostenuti in parte dal «Fondo di solidarietà fra gli onorevoli deputati», e in parte dalla Camera;
in particolare, dalle informazioni disponibili risulta che, in caso di morte, a fronte di un premio di 428.538,75 euro, 342.831,00 euro sono a carico del Fondo di solidarietà per i deputati, mentre 85.707,75 euro sono a carico dell’Amministrazione; in caso di infortunio, a fronte di un premio di 623.700,00 euro, 417.879,00 euro sono a carico del Fondo di solidarietà per i deputati, mentre 205.821,00 euro sono a carico dell’Amministrazione; in caso di invalidità permanente da malattia, a fronte di un premio di 151.200,00 euro, 101.304,00 euro sono a carico del Fondo di solidarietà per i deputati, 49.896,00 euro sono a carico dell’Amministrazione,

invita, per le rispettive competenze, l’Ufficio di Presidenza e il Collegio dei Questori

a valutare l’opportunità di prevedere che gli oneri relativi alla predetta convenzione assicurativa siano integralmente sostenuti dai deputati.
9/Doc. VIII, n. 8/72. Fraccaro, Luigi Di Maio, Mannino.

L’ordine del giorno viene respinto con la seguente votazione, la stessa riportata nel video già citato:

  Comunico il risultato della votazione:

Presenti  414
Votanti  399
Astenuti   15
Maggioranza  200
Hanno votato sì  122
Hanno votato no  277.

La Camera respinge

2

Qui di seguito il testo dell’intervento dell’onorevole Fraccaro (pagg. 55 e 56 del documento):

Presidente, in questa giornata di discussione abbiamo sentito molti deputati cercare di giustificare varie voci di spesa del bilancio della Camera. Ora chiedo a lei, Presidente, e chiedo anche ai questori, come possa ritenersi minimamente giustificabile il capitolo 1130 del bilancio della Camera dei deputati per l’esercizio 2016 che prevede di spendere 350 mila euro di soldi dei cittadini per coprire l’assicurazione vita, invalidità e infortunio dei deputati. Stiamo parlando di soldi dei cittadini per assicurare i politici, i parlamentari deputati, in questi casi, e li vado a elencare perché questa è l’assicurazione che i cittadini stanno pagando oggi: punture e morsi di animali, malattie tropicali (se i deputati vanno in vacanza, vanno all’estero, vanno ai Caraibi, contraggono la malattia, pagano gli italiani), affogamento, ernie addominali, escursioni in montagna (i deputati vanno in montagna e chi paga l’assicurazione ? I cittadini italiani), colpi di sole. Buone ferie a tutti, tanto state tranquilli, se prendete un colpo di sole (Applausi dei deputati del gruppo MoVimento 5 Stelle) o un colpo di calore – è scritto qui – pagano gli italiani; tranquilli, 350 mila euro ogni anno.
Ma non è finita, in caso di calamità naturali pagheranno gli italiani: terremoto, inondazioni, alluvioni, eruzioni vulcaniche. Questa è la migliore, Presidente, si metta le mani nei capelli perché anch’io ho proprio questo sentimento quando leggo queste cose: paghiamo l’assicurazione ai deputati se essi subiscono un infortunio in stato di ebbrezza. Cioè io capisco che questo è lo stato con cui voi scrivete le leggi, evidentemente, ma chiedere agli italiani di pagarvi l’assicurazione se fate un incidente e siete ubriachi (Applausi dei deputati del gruppo MoVimento 5 Stelle), è una cosa inaccettabile. Ma forse questa supera ancora quella precedente: un’assicurazione se subite dei danni in caso di sommosse, insurrezione o tumulti popolari. Fate delle leggi che effettivamente un po’ certe cose le stanno anche stimolando nell’opinione pubblica, sia mai che avvengano, magari subite un infortunio durante una sommossa, e da chi ve li fate pagare i danni ? Dagli stessi che vi hanno magari malmenato in quel momento a causa del vostro comportamento, che ovviamente noi scongiuriamo. Infine, l’assicurazione per tutti i casi in cui subite un infortunio per colpa grave dall’assicurato, per vostra colpa grave; 350 mila euro che spendono i cittadini per assicurarvi mentre fuori nell’ambito della sanità nazionale sono stati tagliati dal Governo Renzi 4,3 milioni al Fondo sanitario nazionale, mentre ci sono 11 milioni di italiani che rinunciano alle cure o le rinviano. Secondo il rapporto Censis il 41,7 per cento delle famiglie ha rinunciato ad almeno una prestazione sanitaria e il 72 per cento dei pazienti afferma infatti di non potersi permettere le lunghissime liste di attesa. Mentre la spesa sanitaria privata è aumentata del 3,2 per cento sotto il Governo Renzi, chiedete 350 mila euro agli italiani ogni anno per coprirvi l’assicurazione sanitaria ? Ora, signori, io credo che se un’assicurazione deve essere pagata è quella che i partiti devono pagare agli italiani per i danni che con le vostre leggi gli arrecate ogni giorno (Applausi dei deputati del gruppo MoVimento 5 Stelle).

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News