Vota e fai votare Casapound per il Crispy a 1 euro: catena con Mario Federico di McDonald’s

di Redazione Bufale |

Vota e fai votare Casapound per il Crispy a 1 euro: catena con Mario Federico di McDonald’s Bufale.net

Ci segnalano i nostri lettori una catena che sta girando su Telegram a firma di Mario Federico, manager McDonald’s Italia, in cui si segnala che in caso di voto diretto a Casapound durante le elezioni europee 2019 di oggi 26 maggio, sarà possibile ottenere un fortissimo sconto sul Crispy. In particolare, il risultato di questo “favore elettorale” sarebbe l’abbassamento del prezzo a 1 euro per il panino, come si potrà dall’immagine che vi abbiamo riportato.

Si tratta dunque del secondo intervento da parte nostra in occasione del giorno del voto per le elezioni europee 2019, dopo avervi parlato in mattinata della diretta in corso sulla pagina Facebook di Salvini per questo appuntamento tanto atteso. Da quello che ci risulta, si tratta di una bufala bella e buona, in quanto McDonald’s Italia non si è mai schierata pubblicamente a favore di Casapound. Tantomeno un manager come Mario Federico ha “prestato” il suo nome durante la campagna elettorale.

Si tratta più semplicemente di un bot, che è cosa diversa rispetto ai buoni sconto che si possono scaricare attraverso l’app ufficiale della nota catena food. Probabile che nelle prossime ore, a urne chiuse, arrivi la smentita ufficiale di McDonald’s Italia, mentre resta il dubbio sull’origine di un’iniziativa del genere per le elezioni europee 2019. Si tratta infatti di un inganno elettorale concepito da esponenti di Casapound per strappare voti all’ultimo minuti, o di una semplice trollata da parte di coloro che intendono prendere in giro i potenziali elettori del partito? Attendiamo anche in questo caso eventuali comunicazioni ufficiali.

Di sicuro non esiste alcuna iniziativa che ci porterà ad acquistare un Crispy a 1 euro votando Casapound alle elezioni europee 2019, così come Mario Federico non si è mai esposto pubblicamente a favore del partito di estrema destra. Insomma, oggi 26 maggio tocca fare i conti anche coi bot Telegram a quanto pare.

Aggiornamento: confermata la trollata, senza il coinvolgimento di Casapound.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News