Volontaria al trial del vaccino Pfizer rischia che le siano amputati i piedi – Bufale e scaricabarile tra blog e testate

di Shadow Ranger |

Volontaria al trial del vaccino Pfizer rischia che le siano amputati i piedi – Bufale e scaricabarile tra blog e testate Bufale.net

Ci sono storie che sono molto brutte, anche quando non sono accadute, come la storia della volontaria al trial del vaccino Pfizer rischia che le siano amputati i piedi.

Premessa: in questa storia non ci sono piedi amputati, non ci sono correlazioni col vaccino, la volontaria non ha neppure assunto il vaccino.

E questo è tutto quanto ci sarebbe da dire sulla storia, se non fosse che è un caso da manuale su come le cose vanno su Internet e perché il fact checking non è un’opinione, ma una necessità.

Volontaria al trial del vaccino Pfizer rischia che le siano amputati i piedi – Bufale e scaricabarile tra blog e testate

Comincia tutto dalla storia di P.C., una ricercatrice archivista che ha partecipato ai trial per il vaccino Pfizer, ricevendo il placebo.

Dopo aver partecipato le sfortune della povera P.C., ripetiamo non legate al vaccino in alcun modo, sono cominciate.

In un paese in cui la sanità non è pubblica ma privata, e le spese mediche sono sovente a carico del malato P.C. ha sviluppato delle piaghe sui talloni.

Il che per una ricercatrice archivista che deve passare parecchio tempo in piedi è una malattia parecchio invalidante.

Impossibilitata a lavorare, con la conseguente riduzione della sua capacità reddituale e la necessità di cure ha fatto quello che molti americani in simili condizioni hanno fatto.

Ha aperto un crowdfunding su “GoFundMe”, una raccolta di fondi con possibilità di rimborso se gli obiettivi non vengono raggiunti, chiedendo un aiuto economico per le cure e per mantenersi nel periodo di forzata inattività.

In un tentativo di captatio benevolentiae, una presentazione di se stessa come persona buona e incolpevole, squassata dalla mala sorte, il cugino a cui aveva subappaltato il compito difficile, umiliante ma necessario di chiedere fondi, ha commesso l’errore di inserire una frase altamente fraintendibile

“P[.]… was a volunteer in a Covid-19 vaccine study recently and had a severe adverse reaction”.

“P[.]… era una volontaria in una recente sperimentazione per il vaccino contro COVID19 e ha avuto una grave reazione avversa”.

Cosa che è finita su un blog autodescrittosi come una comunità di Cristiani Rinati come “una loro esclusiva”, in un lungo post dove tra citazioni biblico-evangeliche vengono riprese distorsioni come quella che vorrebbe le “Big Pharma” “Esenti da ogni responsabilità civile e penale”.

E da quel blog è finita su numerose pagine e commenti di negazionisti COVID, antivaccinisti e simili.

Volontaria al trial del vaccino Pfizer rischia che le siano amputati i piedi - Notare la menzione del Blog.
Volontaria al trial del vaccino Pfizer rischia che le siano amputati i piedi – Notare la menzione del Blog.

E di lì le cose sono andate sempre peggio.

Volontaria al trial del vaccino Pfizer rischia che le siano amputati i piedi – Bufale e scaricabarile tra blog e testate

P.C. è stata immediatamente contattata dalla BBC, che ha raccolto informazioni sulla vicenda.

Si è così accertato che:

  • P.C. aveva partecipato al trial, ma nel gruppo di controllo che aveva ricevuto una soluzione salina
  • Non esiste alcun tipo di possibile reazione avversa alla soluzione salina che possa provocare ulcere ai piedi
  • P.C. non ha subito alcuna amputazione
  • P.C. soffriva di pre-esistenti problemi alla schiena, dei quali il suo medico curante terrà conto per cercare le cause

Solitamente il senso del gruppo di controllo è che chi riceve il placebo non lo sappia: solo in questo caso, essendo il test ormai terminato e l’approvazione presso FDA praticamente un atto dovuto Pfizer ha deciso di rivelare a P.C. di non aver mai ricevuto il vaccino, come ausilio per l’anamnesi che i suoi medici stanno effettuando.

Tutto è bene quel che finisce bene, nevvero?

Invece no.

Nel giro di poche settimane P.C. è stata contattata dalla ormai crescente comunità antivaccinista, riempita di accuse e insulti da ambo gli schieramenti (gli antivaccinisti per la “colpa” di aver partecipato ai test, aspiranti fact checker fatti in casa e pure male per la “colpa” di aver creato disinformazione), aggredita sui social e costretta a chiudere gli stessi.

Come sapete, Bufale ha una netta posizione contro l’Odio Social, ed è che se avete intenzione di usare i social per molestare e importunare il prossimo, dovrebbero semplicemente bannarvi a vita e gettarvi il PC in un blocco di cemento.

P.C. si è ampiamente scusata del fraintendiemento, stupita e delusa da come la comunità antivaccinista sia stata lesta nel cavalcare la storia appena fiutata e delle addizionali sofferenze patite.

Il portale che aveva inizialmente rilanciato la storia?

Ha semplicemente deciso di dichiarare che evidentemente P.C. aveva cambiato la sua versione dopo che BBC si era messa in mezzo, descrivendo il tentativo di P.C. di ristabilire la verità dei fatti come “un attacco della BBC a loro”.

Insomma, la povera P.C. a questo punto era diventata solo un accessorio, un “qualcosa” da lanciarsi addosso nella campagna antivaccinista in atto.

In un post che, ancora una volta, usava la storia (falsa) della “Volontaria al trial del vaccino Pfizer rischia che le siano amputati i piedi” come scusa per spingere disinformazione, come le disinformazioni sulle reazioni allergiche.

Perché se pensate davvero che gli antivaccinisti vogliano il vostro bene, come avete visto, vi sbagliate.

Nel momento in cui non gli sarete di nessuna utilità, preparatevi ad essere abbandonati e diventare il loro nemico con la stessa celerità con vi hanno inizialmente accostato.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News