Una popolare app Android sulla batteria ruba soldi: ufficiale la truffa Paypal in Italia

di Redazione Bufale |

Truffa Paypal
Una popolare app Android sulla batteria ruba soldi: ufficiale la truffa Paypal in Italia Bufale.net

Bisogna fare grande attenzione alla nuova truffa Paypal di cui si parla molto in Rete in queste ore. In tanti, anche qui in Italia, dispongono di un conto con questo noto marchio, al punto che il 13 dicembre ha fatto molto rumore la scoperta che coinvolge in modo indiretto un’app terza più diffusa di quanto si possa pensare. Facciamo ordine tra le informazioni che ci sono pervenute fino a questo momento, con l’auspicio che nessuno sia stato imprudente affinché si possa evitare la sottrazione indebita di denaro.

Partiamo col dire che la truffa Paypal, diventata improvvisamente minacciosa, investe un’app Android non presente all’interno del Play Store, ma ugualmente popolare tramite fonti e sorgenti di terze parti. L’applicazione colpita è Optimization Android, come ci riporta una fonte nota come 9to5Mac. Una volta installata, l’app vi invierà una richiesta per “abilitare le statistiche”, a partire dalla quale riceverete una notifica ulteriore con cui vi verrà chiesto di aprire l’applicazione PayPal ufficiale.

Truffa Paypal
Truffa Paypal

Collegando le due app, come avviene molto spesso tra quelle che potrebbero richiedervi dei pagamenti in un secondo momento (ad esempio DAZN), scatterà ufficialmente la truffa Paypal. Pare che gli hacker puntino su una somma pari a circa 1.000 dollari, che rischierete di perdere anche nel caso in cui abbiate associato a Paypal una carta di credito con un importo residuo di quel tipo.

Insomma, un’altra app da rimuovere rapidamente dal proprio smartphone, in quanto la truffa Paypal sembra essere decisamente pericolosa per chi ha un conto del genere. Siamo pertanto ad un livello più avanzato, seppur meno diffuso, rispetto a quanto vi abbiamo riportato nei giorni scorsi a proposito di una ventina di applicazioni Android in grado di annientare la batteria dei device. Qui trovate qualche altro dettaglio in merito per affrontare la questione, da associare a quella che abbiamo portato alla vostra attenzione oggi 13 dicembre.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News