Un “arresto troppo violento”: carabiniere condannato in appello a risarcire il malvivente

di Luca Mastinu |

Un “arresto troppo violento”: carabiniere condannato in appello a risarcire il malvivente Bufale.net

L’11 febbraio 2018 Sostenitori.info ha pubblicato un articolo su un caso avvenuto a Capannori, quando un carabiniere fu condannato a risarcire un malvivente a seguito di un “arresto troppo violento”. Il caso non è nuovo ai nostri archivi. L’articolo di Sostenitori.info ritorna alla ribalta per un uso maldestro dello strumento “ricordi” su Facebook (ne abbiamo parlato qui).

Come avevamo scritto nel 2017 la notizia è vera.

Il 12 settembre 2011 un carabiniere, durante un controllo in un capannone a Capannori, sorprese un tunisino nell’atto di rubare del rame. Dopo le operazioni di arresto il militare fu condannato in appello a 4 mesi e al risarcimento di 7500 euro al malvivente per un “arresto troppo violento”, inclusa una provvisionale di 3500 euro immediatamente esecutiva.

Sostenitori.info non lo scrive, ma l’uomo sorpreso a rubare accusò un malore poco dopo l’arresto e fu necessario un trasporto al Pronto Soccorso. Come scriveva l’edizione lucchese del Corriere della Sera il 19 febbraio 2015:

Il tunisino viene dimesso dall’ospedale con un referto che parla di “trauma cranico non commotivo, ematoma al collo, contusioni multiple e micro frattura di una costola”.

Il tunisino aveva raccontato che i traumi subiti erano dovuti a una collutazione con il carabiniere. In ogni caso, il malvivente era stato condannato dallo stesso giudice18 mesi di reclusione per tentato furto.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News