Trump annulla il programma sulla mensa scolastica di Michelle Obama

di LO SBUFALATORE Claudio Michelizza |

L’amministrazione Trump avrebbe ribaltato alcune linee guida dell’iniziativa sulla mensa scolastica dell’era di Obama. Questo il tam-tam su internet, ma il programma non è stato annullato e tali modifiche sono state apportate a maggio 2017.

Si tratta dello School Lunch Program varato dall’amministrazione Obama nella “Legge sui bambini sani e senza fame” (Healthy, Hunger-Free Kids Act), per uno stile di vita più sano per i bambini americani. La cattiva alimentazione d’oltre Oceano è infatti una delle principali cause, se non la principale, dell’obesità che affligge gli Stati Uniti, e i conseguenti rischi.

La legge e le notizie di abolizione

Il messaggio sull’abolizione della legge è rimbalzato su Facebook per almeno un anno. L’esempio più popolare è stato condiviso da “Tom Bones Malone” nell’ottobre 2017, ma anche in quel caso il messaggio era obsoleto e fuorviante.

La frase “il programma della mensa scolastica di Michelle Obama” è un po’ imprecisa in quanto l’ex first lady non ha sponsorizzato né approvato alcuna legge che imponga il contenuto dei pranzi scolastici. Tuttavia, è stata sicuramente una sostenitrice di uno stile di vita più sano, e ha spinto per migliori standard nutrizionali come parte dell’iniziativa “Let’s Move“, gli sforzi che hanno ispirato il passaggio chiave della “Legge sui bambini sani e senza fame” del Congresso.

I cambiamenti

Tuttavia, al momento della stesura di questo articolo, la “Legge sui bambini sani e senza fame” non è stata “cancellata”, sebbene l’amministrazione Trump abbia annullato alcune delle linee guida nutrizionali per i pranzi scolastici stabiliti dalla legislazione dell’era di Obama.

Ad esempio, la legge sui bambini sani e senza fame riduce le dimensioni delle porzioni; pone limiti su zucchero e contenuto di grassi; aggiunge frutta, verdura e cereali integrali; e impedisce alle scuole di servire latte aromatizzato. Il Segretario all’agricoltura Sonny Perdue ha firmato una circolare, il 1° maggio 2017, che attenua alcuni di questi regolamenti.

Le scuole non dovranno ridurre ancora il sale dai pasti e alcune saranno in grado di servire ai bambini un minor numero di cereali integrali, con le modifiche agli standard nutrizionali federali annunciati.

I cereali dovranno essere al 50% di cereali integrali e le scuole potrebbero anche servire l’1 percento di latte aromatizzato invece del non grasso ora richiesto.

Latest News