Tanti saluti al canale ‘Basta Dittatura’: Telegram cancella il gruppo anti green pass

di Redazione Bufale |

Basta dittatura
Tanti saluti al canale ‘Basta Dittatura’: Telegram cancella il gruppo anti green pass Bufale.net

Telegram ha deciso di chiudere i principali canali di protesta aperti dai no vax e no green pass perché violavano i Termini di Servizio di tale applicazione. Si tratta dei gruppi Basta Dittatura e Basta Dittatura Chat che, dopo aver creato negli ultimi mesi shitstorm e proteste, finalmente non possono essere più visualizzati. Erano proprio su tali gruppi Telegram che i no vax ed i no green pass si organizzavano per protestare contro il governo e tutte le decisioni prese per arginare la diffusione del virus Covid-19.

I dettagli sul canale Telegram ‘Basta Dittatura’ contro il green pass cancellato

Del resto, le iniziative discutibili all’interno del canale sono state costanti, come vi abbiamo riportato non molto tempo fa. Il problema però è sempre stato quello della violenza e della violazione della privacy, in questi gruppi venivano usati termini troppo pesanti, insulti e minacce che ovviamente hanno violato i Termini di Servizio di Telegram. Chi quindi si è ritrovato a far parte dei gruppi Basta Dittatura e Basta Dittatura Chat, ora non potrà più accedervi.

Gruppi che vantavano circa 43 mila iscritti e dove ogni giorno venivano diffuse fake news, commenti, video di protesta e così via. Il problema è che si sostenevano proteste anche violente e non di certo pacifiche, anzi i toni utilizzati erano piuttosto accesi, pieni di rabbia, con continui paralleli tra la Shoah e le restrizioni per il Coronavirus. Il livello di tensione all’interno di questi gruppi come Basta Dittatura e Basta Dittatura Chat era arrivato al culmine, mettendo in atto campagne di shitstorm.

Tra le vittime di questi continui attacchi abbiamo riscontrato il viceministro alla Salute Pierpaolo Sileri o il virologo Fabrizio Pregliasco. Erano stati presi di mira dai no vax e dai no green pass con non solo commenti violenti, ma venivano addirittura pubblicati i loro dati personali, invitando le persone ad attaccarli con messaggi e telefonate di minacce.

Insomma, una situazione fuori dal comune che Telegram ha dovuto inevitabilmente gestire arrivando a chiudere questi principali canali di protesta aperti dai no vax e dai no green pass. Tanti cari saluti al canale ‘Basta dittatura’ contro il green pass su Telegram.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News