Sindaco sfan**la coppia musulmana, pretendevano che levasse il crocifisso dalla sala dei matrimoni

Un meme in libera circolazione riporta che un sindaco avrebbe rifiutato la richiesta di una coppia musulmana di rimuovere il crocifisso dalla sala dei matrimoni.

Sindaco sfan**la coppia musulmana: pretendevano che levasse il crocifisso dalla sala dei matrimoni.

Sei d’accordo con il sindaco?

La notizia, seppur riportata dai viralizzatori con un certo livore gargantuesco, è vera ma richiede precisazioni, specialmente perché si tratta di un fatto avvenuto nel 2016.

Come riportava Il Giornale il sindaco di Rapallo Carlo Bagnasco aveva ricevuto una richiesta di matrimonio da parte di una coppia musulmana presso il suo municipio. Lei rapallese, lui albanese, entrambi musulmani, erano residenti in Francia. La madre della sposa, durante il sopralluogo con il personale del comune, aveva però notato il crocifisso e aveva espresso il desiderio che l’oggetto sacro per la religione cristiana venisse rimosso durante la cerimonia.

Precisiamo già, quindi, che la richiesta non arrivava direttamente dalla coppia bensì dalla mamma della sposa.

Il personale presente aveva inoltrato la richiesta al sindaco Bagnasco, ma il primo cittadino aveva respinto la clausola: «Le radici non si toccano, il crocifisso neppure». Il vicesindaco Filippo Lasinio aveva aggiunto: «Nella sala ci sono ancheaffreschi religiosi. Cosa facciamo, togliamo tutto? Noi, dal canto nostro, ci siamo detto disponibili a una celebrazione in un’altra stanza del Comune. Anche quella del sindaco, nel caso. Gratuitamente».

La madre della sposa, pervenuta la risposta del sindaco, aveva ribattuto: «Abbiamo chiesto la celebrazione di un matrimonio civile, e in luoghi civili non devono esserci simboli religiosi». La coppia, quindi aveva preso decisione di non unirsi in matrimonio.

Il fatto è dunque vero, ma precisiamo che si tratta di una vicenda di tre anni fa e che la richiesta di rimuovere il crocifisso nel corso della cerimonia civile arrivò dalla madre della sposa e non dai coniugi, che comunque rifiutarono di ricevere il matrimonio.

Latest News