Si è stancato Alessandro Borghi di essere associato a Claudio: un messaggio per tutti

di Redazione Bufale |

Alessandro Borghi
Si è stancato Alessandro Borghi di essere associato a Claudio: un messaggio per tutti Bufale.net

Alessandro Borghi è uno degli attori italiani più apprezzati anche all’estero, un professionista serio e di talento che però non si è mai tirato indietro quando c’è da parlare di attualità e non poteva di certo esimersi dalla questione vaccini e no-vax. Il tutto è nato da un tweet del deputato della Lega, Claudio Borghi e suo omonino, che ha accostato questa campagna di sensibilizzazione nei confronti dei vaccini come quella che fu adottata negli anni ’80 sulla questione HIV ed omosessuali.

Alessandro Borghi ancora una volta non vuole essere associato a Claudio Borghi

Secondo Claudio Borghi i non vaccinati stanno subendo le stesse violenze psicologiche e d’odio che furono ai tempi dei malati di HIV. Continua quindi ad emergere un lato fortemente no-vax da parte del partito di Matteo Salvini, cosa alquanto pericolosa visto quanto sia fondamentale vaccinarsi per debellare definitivamente il Covid-19 con le sue varianti. Alessandro Borghi ha voluto cogliere la palla al balzo per evidenziare, con il suo fare piuttosto ironico, come oggi più che mai lui non sia Claudio.

Non è certo la prima volta che parliamo di Claudio Borghi sul nostro sito, come si può facilmente notare dal nostro archivio. L’attore ha giocato insomma sull’omonimia che lo lega al deputato leghista, prendendo una posizione chiara a riguardo e schierandosi contro il suo pensiero. Ovviamente queste parole non sono passate inosservate e non è mancata l’immediata replica da parte di Claudio Borghi che considera piuttosto negative le parole dell’attore.

Anche perché sa come lui sia piuttosto sensibile ai temi discriminatori e lo invita a riflettere su quanto stia accadendo nei confronti dei non vaccinati, accusati di essere contagiosi, situazione che per Claudio Borghi è simile a quanto accaduto negli anni ’80 quando i gay erano accusati di spargere l’HIV. Parole che sono state commentate da Alessandro Borghi evidenziando come i social non siano abbastanza per poter argomentare l’assurda idiozia che il deputato ha descritto.

Alla fine lo scontro social è stato concluso da Claudio Borghi che ha continuato a battere il ferro sulla questione dei non vaccinati che vengono discriminati come accaduto negli anni ’80 con gli omosessuali. Insomma ha fatto bene l’attore a non continuare a rispondere, anche perché davvero non sembrano esserci parole per dare una spiegazione sensata alle parole del leghista. Alessandro Borghi non ne può più.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News