Si chiama Salvini Blocker e trasforma il volto del Ministro in gattino: vera l’estensione di Chrome

di Redazione |

Salvini Blocker

Esiste già da qualche mese, visto che l’ultimo aggiornamento ufficiale risale al mese di febbraio, ma solo in queste ore in Italia si parla con insistenza di Salvini Blocker. Si tratta nello specifico di un’estensione concepita per il browser Google Chrome, tra i più utilizzati in Italia, con cui gli utenti avranno la possibilità di sostituire il volto del Ministro dell’Interno con quella di un gattino. Insomma, altro incrocio “indesiderato” con il mondo degli animali, dopo l’episodio che lo ha visto protagonista ieri coi gabbiani come avrete notato dal nostro articolo.

In cosa consiste nello specifico Salvini Blocker? Partiamo dal presupposto che esiste un apposito link per scaricare in modo semplice e rapido l’estensione in questione. Fondamentalmente, ha la capacità di riconoscere le immagini raffiguranti il leader della Lega, probabilmente agendo sull’HTML delle pagine e sui nomi delle foto, procedendo in modo automatico con la loro sostituzione. In questo modo avremo modo di imbatterci nel tenero volto di un gattino al posto di quella di Salvini.

Una sorta di AdBlock, il programma che blocca banner e campagne pubblicitarie presenti sui siti, applicato più nello specifico su Salvini. Una diavoleria che si presta più all’ironia del web, considerando la costante pubblicazione di foto incentrate sulla figura del Ministro dell’Interno sia dagli addetti ai lavori, sia dal diretto interessato all’interno dei suoi canali social. Di sicuro Salvini Blocker è un’idea 2.0 che farà molto parlare di sé nel corso delle prossime settimane.

Sarà interessante capire anche quale sarà l’impatto dell’estensione sugli italiani, in termini di numero di download, ora che Salvini Blocker ha acquisito una certa popolarità dopo i primi articoli in Rete sul tema. I suoi contestatori preferiranno effettivamente ammirare la faccia di un gattino rispetto a quella del Ministro? Staremo a vedere a medio termine, in attesa di nuovi aggiornamenti dell’estensione tanto discussa.

Latest News