Scuola agghiacciante: condividi, guardate cosa prevede l’ipotesi di positivi

di Bufale.net Team |

Scuola agghiacciante: condividi, guardate cosa prevede l’ipotesi di positivi Bufale.net

Ci segnalano i nostri contatti un video titolato Scuola Agghiacciante, attenzione ai vostri figli.

Del quale vi mostreremo una screenshot.

Ricorda niente, vero? Il solo logo ministeriale sfocato è riuscito a generare confusione, ma siamo di fronte alla stessa turpe rigenerazione delle bufale di cui abbiamo parlato precedentemente.

 

 

La logica alle spalle della nostra esposizione tende a funzionare così: il seguente dialogo è una media di diverse simili conversazioni

Buffale! Mi è arrivato un messaggio su WhatsApp, è vero? È la buffala? Booooh? Rispondete presto

– Mio brav’uomo, evidentemente questo messaggio è una fake news, ecco qui un articolo che la illuminerà

Buffale! Ora mi è arrivato un messaggio che però c’è la foto di un foglio con le parole scritte!!! È vero? È la buffala? Booooh? Rispondete presto

– Scusi, non avevamo risposto già prima?

Sì, ma queste sono parole scritte, quindi è più vero!

– Mi scusi, non è che su WhatsApp fossero geroglifici egizi… comunque è lo stesso testo, non può essere cambiato

BUFFALE!! KIVVIKAKA! Ora mi è arrivato un video dove un tizio legge il foglio con le parole scritteehhh!

– E allora? Le ripeto per la terza, e spero ultima volta. Vede l’articolo in cui le spieghiamo le ragioni perché su WhatsApp era una bufala, stampato lo era e diffuso con ogni altro mezzo? Perché in edizione audiolibro dovrebbe cambiare?

PERKE’ CUELLO CI METTE LA FACCIA CHE NON CI METTETE VOI! KIVVIPAKA? NON È CHE BUFFALE DICE LA BUFFALA!! IO VI PORTO ALLA CORTE INTERNAZIONALE DI AMMIOCUGGINO, VI BANNO CLICCO SEGNALO BUGIARDI KASTONI1111!!!!

E a quel punto perdiamo le tracce per sempre del nostro importuno…

Ora possiamo tornare a noi

Scuola agghiacciante: condividi, guardate cosa prevede l’ipotesi di positivi

L'”ipotesi di positivi” (sic!) di cui parliamo prevede sostanzialmente la struttura di cui parliamo.

Una voce narrante che legge l’articolo 7 citato nella ormai famigerata bozza cancellata dal portale di un istituto scolastico di cui abbiamo lungamente parlato.

La seconda versione, quella aggiornata, prevede infatti che per il presunto malato

si provveda al ritorno, quanto prima possibile, al proprio domicilio, per poi seguire il percorso già previsto dalla normativa vicende

Ipotizzammo un errore dell’istituto scolastico, che infatti provvide a pubblicare una versione corretta (e più legalmente coerente) del protocollo che prevedeva la rimozione dell’incongruo divieto di “prelevare il figlio” con la raccomandazione ai genitori di agire.

La voce narrante compie due passi falsi, che causano allarme e caos:

  1. Omette di dichiarare che si tratta di un protocollo comparso in un singolo portale di un singolo istituto, ingenerando timori dati dalla presenza del logo Ministeriale
  2. Omette che quello che sta leggendo è una bozza immediatamente soppressa che mai entrerà in vigore e mai vi è entrata, lasciando il dubbio che sarà ciò che accadrà all’inizio dell’anno scolastico

Ma non è così.

Un intero minuto di audio legato alla ipotesi di positivi (Sic!!) ed alla lettura dell’articolo, e nessuno che si premuri di menzionare questi due punti indispensabili alla comprensione.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News