Salvini anticipa l’arresto di 10 cinesi e mette a rischio l’operazione: il post fornisce dettagli sbagliati

di Redazione Bufale |

Salvini
Salvini anticipa l’arresto di 10 cinesi e mette a rischio l’operazione: il post fornisce dettagli sbagliati Bufale.net

Ancora un caso che vede coinvolto il Ministro dell’Interno, Matteo Salvini, in merito ad alcuni arresti nei confronti di cinesi per fatti avvenuti a Prato. In particolare, il leader della Lega avrebbe commesso un errore utilizzando i social, anticipando a conti fatti le operazioni della Polizia. A questo si aggiunge poi un altro dettaglio, ovvero che con il suo tweet lo stesso Salvini abbia portato alla luce delle informazioni sbagliate sull’operazione. Cerchiamo dunque di ricostruire bene la vicenda.

La vicenda nasce da una rissa che si scatenò per strada nel 2018, a Prato. A quel punto è scattata un’inchiesta sul controllo del traffico di prostituzione a Prato, che ha portato poi all’arresto di tre cinesi. TRa i fermati, ci sarebbe anche Lin Xia, gestore dell’hotel Luxory al Macrolotto uno. Come si potrà notare a seguire, le informazioni fornite dal Ministro ai propri follower sono inesatte. Questo, nello specifico, quanto annunciato da Salvini sui social in merito all’arresto dei cinesi:

“Si erano fronteggiati a Prato con coltelli e pistole per il controllo della prostituzione: dieci cinesi, tra cui sei clandestini, sono stati arrestati. Grazie ai Carabinieri! Nessuna tolleranza per i delinquenti: per loro la pacchia è finita!”.

Un contributo importante sulla vicenda giunge da ANSA, fonte autorevolissima, secondo cui nell’anticipare gli arresti dei tre cinesi (non dieci, come erroneamente annunciato da Salvini sui social), pare sia stata scatenata l’ira della Procura. Post del genere, infatti, rischiano di compromettere operazioni preparate a lungo dalle Forze dell’Ordine. Talvolta anche per mesi. Nello specifico, si pone l’accento sulla rabbia del procuratore di Prato, ovvero Giuseppe Nicolosi.

Rapporti sempre tesi, dunque, tra Salvini e i magistrati, se pensiamo a quanto avvenuto ad esempio con il caso della Nave Diciotti (qui trovate il nostro articolo su quel caso), per non parlare di precedenti riportati da Huffington Post in merito alle anticipazioni fornite in passato dal Ministro dell’Interno per operazioni simili delle Forze dell’Ordine. Vedere per credere quanto avvenne nel 2018, al punto da creare i presupposti per le forti critiche da parte di Armando Spataro.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News