Ritirato dal mercato lo Xanax: è il farmaco più venduto per ansia e attacchi di panico

di Luca Mastinu |

Sappiamo che da InterNapoli non ci si può aspettare una totale correttezza, e non a caso il sito compare nella nostra black list. A questo giro, però, c’è qualcosa che supera l’azzardo, perché chi scrive questa analisi è un soggetto ansioso fortemente suscettibile alle notizie reperite sulla rete, e con esso esistono centinaia di migliaia di soggetti ancora più ansiosi che nello Xanax hanno trovato un rimedio per combattere il mobbing esasperante del mostro dell’ansia. Chi scrive, ancora, non assume Xanax, ma comprende fortemente l’utilità del farmaco per chi lo assume come terapia.

Il 29 ottobre InterNapoli ha pubblicato il titolo: Ritirato dal mercato lo Xanax: è il farmaco più venduto per ansia e attacchi di panico”. Ora, sappiamo che esiste ancora una grande fetta di pubblico che si ferma al titolo, e i redattori questo lo sanno bene. Per questo il link ha cominciato a circolare in maniera compulsiva sulle bacheche dei soggetti ansiosi, e seppur la cosa susciti una comprensibile ilarità da parte chi vive nel mood “Don’t worry, be happy” siamo costretti a dire che in questo caso lo scherzo deve durare poco.

Poche righe più avanti, infatti, l’autore scrive:

Mylan Pharmaceuticals, insieme alla  Food and Drug Administration, ha annunciato il richiamo di un singolo lotto di compresse Alprazolam dell’azienda, comunemente noto come Xanax, a causa della presenza di una possibile sostanza estranea.

Un singolo lotto. Con un titolo come quello impunemente proposto da InterNapoli è facile interpretare che il farmaco in sé sia stato ritirato dal mercato, mentre è sufficiente consultare il sito istituzionale della Food And Drug Admministration per confermare che si tratta solamente del lotto 8082708 con scadenza a settembre 2020.

Più precisamente, il lotto incriminato interessa le compresse da 0,5 mg confezionate in flaconi da 500. Ancora:

Si prevede che l’impatto clinico del materiale estraneo, se presente, sia raro, ma il rischio remoto di infezione per un paziente non può essere escluso. Ad oggi, Mylan Pharmaceuticals non ha ricevuto segnalazioni di episodi avversi relativi a questo lotto.

Un solo lotto, quindi, è stato richiamato.

Ai lettori consigliamo sempre di leggere al di là del titolo e soprattutto di prestare attenzione alla fonte. Agli autori di InterNapoli consigliamo di tenersi lontani dall’ansia, che è un brutto stato di cose. Se solo la provassero eviterebbero di cercare foraggio con titoli fuorvianti e disinformativi. Sappiamo, però, che l’indigenza del web crea questi piccoli e copromorfi fenomeni di disinformazione.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News