Retromarcia su spostamenti tra regioni e comuni: il DPCM 25 ottobre su chiusura per Covid

di Redazione Bufale |

Spostamenti tra regioni
Retromarcia su spostamenti tra regioni e comuni: il DPCM 25 ottobre su chiusura per Covid Bufale.net

Ci sono alcune importanti informazioni che possiamo prendere in esame già in questi minuti a proposito degli spostamenti tra regioni e comuni. A quanto pare, infatti, il DPCM 25 ottobre, anche se le sue fondamenta sono state gettate il giorno 24, porta con sé una retromarcia sotto questo punto di vista, soprattutto dal punto di vista della mobilità e delle chiusure. Ci sono, però, due aspetti importanti da prendere in esame a margine della conferenza stampa di Conte. Un po’ come avvenuto una settimana fa con disposizioni più “leggere”.

Cosa dobbiamo sapere su chiusure, spostamenti tra regioni e comuni con DPCM del 25 ottobre

Il DPCM del 25 ottobre è praticamente ufficiale, al punto che in questi minuti è possibile consultare la sua versione integrale con appositi link. C’è uno stralcio che chiarisce al meglio la questione della chiusura presunta di determinate aree, fino ad arrivare ad un tema molto caldo come quello dello spostamento tra regioni e comuni. Questo il punto sul quale concentrarsi:

“Fortemente raccomandato a tutte le persone fisiche di non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, in un comune diverso da quello di residenza, domicilio o abitazione, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi e non disponibili in tale comune”.

Dunque, al momento siamo solo alle raccomandazioni per quanto riguarda gli spostamenti tra regioni e comuni, nonostante le voci della vigilia soprattutto nel primo caso parlassero di obbligo. Detto questo, c’è un altro punto fondamentale sul quale occorre prestare attenzioni. Le singole regioni, infatti, con ogni probabilità imporranno limitazioni sotto questo punto di vista, scavalcando il DPCM 25 ottobre.

Vedere per credere il caso di Lombardia, Campania e Lazio, sulla carta quelle più vicine ad una decisione del genere. Il provvedimento, che potrebbe imporre la chiusura ed il mancato spostamento tra regioni e comuni, rischia di essere operativo in presenza del DPCM. Ci aspettiamo ulteriori chiarimenti in merito già in giornata, ma nel frattempo ricordate che le regioni possono adottare misure più restrittive.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News