Non ce l’ha fatta la ragazza di 18 anni di Sestri Levante: probabili decisioni su AstraZeneca a breve

di Redazione Bufale |

ragazza di 18 anni
Non ce l’ha fatta la ragazza di 18 anni di Sestri Levante: probabili decisioni su AstraZeneca a breve Bufale.net

Non ce l’ha fatta la ragazza di 18 anni di Sestri Levante, ricoverata da giorni dopo la trombosi che aveva reso immediatamente critiche le sue condizioni. La conferma arriva da ANSA e dal Sindaco. Un annuncio che lascia senza parole e che getta ombre su AstraZeneca, visto che la ragazza circa due settimane fa si era sottoposta al vaccino. Probabile che a breve venga somministrato solo agli over 60 in Italia.

Articolo originale del 7 giugno

Ancora grave la ragazza di 18 anni, dopo il vaccino AstraZeneca. Stiamo parlando dei fatti di cronaca che in queste ore arrivano da Genova, con l’inevitabile psicosi che si è scatenata in seguito ai primi Open Day che hanno coinvolto anche i più giovani. Una situazione senza ombra di dubbio da monitorare, senza pregiudizi né in un senso, né nell’altro, affinché si possa fare luce su quanto avvenuto di recente. Va ricordato, infatti, che la somministrazione è avvenuta lo scorso 25 maggio.

Rimane grave la ragazza di 18 anni dopo AstraZeneca a Genova

In passato, AstraZeneca ha sollevato enormi discussioni a tema trombosi, come avrete notato anche attraverso un nostro articolo che ha riportato ad aprile la presa di posizione da parte di Burioni. Quali sono gli ultimi aggiornamenti a proposito della ragazza di 18 anni che rimane grave dopo AstraZeneca a Genova? Il bollettino giornaliero ancora non è stato diramato e, allo stato attuale, non è detto che sia pubblico. Dunque, allo stato attuale dobbiamo prendere in esame quanto dichiarato da Toti domenica pomeriggio su Facebook.

A questo, poi, si aggiunge qualche informazione extra fornita da Quotidiano.net, secondo cui la ragazza di 18 anni avrebbe assunto anche altri farmaci dopo la somministrazione del vaccino Covid di AstraZeneca. Dunque, dopo le comunicazioni inviate dall’Ospedale San Martino di Genova all’AIFA, sarà importante capire cosa abbia innescato la trombosi e se il mix con altri farmaci (che c’è stato, secondo le successive dichiarazioni dello stesso Toti) abbia peggiorato la situazione.

Nel frattempo, ha parlato anche Bassetti, che come noto lavora proprio nella struttura in questione. Pur non avendo seguito il caso della ragazza di 18 anni, grave dopo il vaccino AstraZeneca, il suo invito è quello di evitare casi di psicosi. Solo ulteriori indagini, infatti, ci potranno dire come siano andare le cose in un contesto così specifico.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News