Quokka lancia cuccioli contro i predatori così da poter fuggire, anche i suoi

di Redazione Bufale |

Negli ultimi giorni è diventato virale in Rete un meme intitolato “quokka lancia cuccioli contro i predatori”, in modo da poter fuggire con maggiore facilità e creare un diversivo che gli salvi la pelle. Anche quelli che ha partorito. Una notizia sorprendente, se pensiamo al loro aspetto così tenero e ad un’aria costantemente felice che mai lascerebbe immaginare tale livello di egoismo. La questione riguarda dunque gli animali e, come abbiamo visto con una fake news su Salvini la scorsa estate, riesce sempre ad attirare l’attenzione di tante persone.

Proprio la natura bizzarra della notizia ha indotto tanti utenti a chiederci su fosse autentica o meno. Il quokka lancia cuccioli contro i suoi predatori per puro istinto di sopravvivenza? Possibile che non riesca a stabilire alcun tipo di empatia coi propri cuccioli, al punto da arrivare ad un gesto così crudele? Ebbene sì, anche se va detto che si tratti di un animale che raramente si ritrova a fronteggiare attacchi da parte degli stessi predatori.

Il quokka lancia cuccioli contro i predatori: chi lo dice?

A sostegno di questa tesi, troviamo alcune fonte autorevoli. In prima istanza ho trovato un articolo completo ed interessante da un sito ritenuto attendibile dagli addetti ai lavori, vale a dire Mentalfloss. A tal proposito invito tutti voi a consultare soprattutto il punto 4. Ancora più pieno di dettagli l’articolo IBS, dove potrete trovare una serie di informazioni aggiuntive utili per inquadrare al meglio la vicenda. Insomma, meglio mettersi l’anima in pace se siamo cresciuti con il mito di questa specie.

Il quokka lancia cuccioli contro i predatori, in quanto i versi da loro emessi attirano in primis le volpi, facendo sì che la fuga diventi più agevole. La loro enorme mole riproduttiva, evidentemente, rende questo sacrificio ampiamente sopportabile. Il meme, pur ironizzando sulla questione, parte da assunti veri.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News