DISINFORMAZIONE La donna con la spalla fratturata durante gli scontri a Bologna – Bufale.net

di David Tyto Puente |

DISINFORMAZIONE La donna con la spalla fratturata durante gli scontri a Bologna – Bufale.net Bufale.net

disinformazione-donna-braccio-spezzato-bologna-manifestanti-polizia-manganelli
In tanti ci avete chiesto di chiarire l’accaduto della donna a cui sarebbe stato “spezzato il braccio” dalle forze dell’ordine durante gli scontri del 3 maggio 2015 a Bologna. Cercheremo di farlo con le foto e i video che abbiamo rintracciato online, al fine di togliere alcuni dubbi diffusi sui canali social.

Primo dubbio: manifestanti pacifici caricati senza motivo

Circolano video dove vengono mostrate le cariche delle forze dell’ordine, come quello pubblicato da Il Fatto Quotidiano che riportiamo di seguito:

Un video più completo è quello pubblicato da Servizio Pubblico, dove si vedono chiaramente i comportamenti non pacifici dei manifestanti nei confronti delle forze dell’ordine:


Aggressivi di fronte al portone, lanciano uova e spruzzando acqua contro gli agenti, sorridendo.
Possiamo vedere anche alcune foto pubblicate dal Messaggero che dimostrano le azioni dei manifestanti prima ancora degli scontri e dell’episodio accaduto alla donna ferita.

Foto Messaggero.it
Foto Messaggero.it

Foto Messaggero.it
Foto Messaggero.it

Foto Messaggero.it
Foto Messaggero.it

Come potete vedere dal video di Servizio Pubblico, i manifestanti si sono poi diretti verso un’altro ingresso del parco, un’ingresso che non era stato ancora sigillato dagli agenti.
spostamento-polizia-ingresso-parco-bologna
Una volta dinanzi all’altro ingresso i manifestanti iniziano ad avvicinarsi con uno striscione e con degli ombrelli, rivolgendoli con le estremità verso gli agenti ( questi ultimi nel video ne strappano due, uno dei quali viene poi tirato verso di loro).
ombrelli-puntati-bologna
Ombrelli puntati verso gli agenti

Oltre allo striscione e gli ombrelli compaiono anche fumogeni colorati. Ecco alcuni fotogrammi del video di Servizio Pubblico:
scontri-provocazioni-manifestanti-polizia
Se notiamo attentamente anche nel video de Il Fatto Quotidiano, i manifestanti con lo striscione si erano ulteriormente avvicinati alle forze dell’ordine per poi avviare il primo scontro spingendo gli agenti. La reazione della polizia è stata immediata, contrattaccando i manifestanti, i quali hanno colpito anche coloro che inizialmente non avevano spintonato e, purtroppo, ferendo con la loro avanzata la donna.
Ulteriore prova che i primi ad avanzare e a spingere siano stati i manifestanti, ecco un video pubblicato da Il Resto del Carlino:

Secondo dubbio: la donna è stata manganellata dalla polizia?

Visionando con attenzione il video di Servizio Pubblico, la donna si trovava dietro ai manifestanti e sarebbe stata travolta da questi ultimi in seguito alla carica delle forze dell’ordine.
A sostegno di questa tesi vi sottoponiamo il seguente fotogramma del video al minuto 1:57, dove si nota la figura di un corpo per terra:
donna-travolta-manifestanti-carica-polizia-bologna
In questo fotogramma e in quelli successivi si nota che in quel punto i manifestanti perdono l’equilibrio durante l’arretramento, probabilmente perché toccano il corpo della donna a terra. Nei secondi successivi l’operatore video continua a riprendere la carica facendo qualche passo avanti, per poi fermarsi all’altezza del punto dove era caduta la donna.
Secondo quanto riportato da Il Resto del Carlino e da NextQuotidiano, la donna non faceva parte dei collettivi, ma si trovava nell’area della protesta. Si sarebbe trovata nel posto sbagliato al momento sbagliato.
Dall’articolo de Il Resto del Carlino si evidenzia che la donna aveva 60 anni e ha riscontrato una frattura scomposta alla spalla:

Una donna di 60 anni, entrata nel corteo per caso, è rimasta a terra ed è stata portata in ambulanza al Sant’Orsola dove le hanno riscontrato una frattura scomposta alla spalla.

Terzo dubbio: la donna è stata manganellata mentre era ancora a terra?

Il dubbio può essere nato in seguito alle foto del poliziotto che si trova in piedi davanti alla donna a terra, con scudo e manganello alzato, quasi volesse colpirla.
poliziotto-protegge-donna-a-terra-bologna
Il video diffuso da Servizio Pubblico dimostra con evidenza che l’agente, resosi conto della donna ferita a terra, si è messo sopra di lei per proteggerla anche dai propri colleghi che potevano calpestarla.

Quarto dubbio: come mai la posizione innaturale del braccio? Sono stati i poliziotti?

Dalle immagini non si riesce a capire se siano stati gli agenti nel tentativo di spostarla dal luogo dove era caduta. Più probabilmente è dovuto ai movimenti della donna a terra, come possiamo vedere in questo video dal minuto 1:30 dove si muove da sola:

AGGIORNAMENTO ore 20:43

Il titolo è stato cambiato da “Precisazioni” a “Disinformazione”.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News