PRECISAZIONI Israele umilia M5s: “Di Maio non entrerà a Gaza” – bufale.net

di Shadow Ranger |

PRECISAZIONI Israele umilia M5s: “Di Maio non entrerà a Gaza” – bufale.net Bufale.net

precisazioni-dimaio-gaza

Ci segnalano i nostri contatti il seguente articolo, targato Il Giornale:

L’M5s protesta contro Israele dopo che a una delegazione parlamentare è stato negato l’accesso alla Striscia di Gaza da parte delle autorità di Tel Aviv.

A darne notizia è una nota congiunta del vicepresidente della Camera Luigi di Maio, del deputato Manlio Di Stefano e della senatrice Ornella Bertorotta: “Abbiamo appreso dalla nostra ambasciata che il governo israeliano impedisce alla delegazione guidata dal vicepresidente della Camera dei deputati di recarsi nella Striscia di Gaza per visitare il progetto di un’organizzazione non governativa italiana pagato con i soldi dei cittadini italiani”, scrivono i tre parlamentari stellati.

“Questo è un cattivo segnale – commenta la delegazione grillina – non tanto per il M5s ma soprattutto per quello che è l’approccio dello stesso esecutivo israeliano rispetto alla situazione nella Striscia di Gaza e della pace nella regione.”

Ottenere il permesso israeliano per entrare a Gaza è tutt’altro che facile e in molti entrano quindi clandestinamente. Fra chi era riuscito ad ottenere un lasciapassare c’era stata la presidente della Camera Laura Boldrini, ma a una delegazione dei populisti spagnoli di sinistra di Podemos era stato negato l’accesso.

“Credo sinceramente – commenta infastidito Di Stefano – che sia inammissibile che una delegazione di parlamentari italiani, guidata dal vice presidente della Camera. Abbiamo quindi deciso di visitare ugualmente la cooperazione italiana fuori dalla Striscia.

Da parte israeliana è arrivata una risposta con il commento del portavoce dell’ambasciata a Roma, Amit Zarouk: “La Striscia di Gaza è controllata dall’organizzazione terroristica di Hamas che è un’entità ostile ad Israele. L’ingresso da Israele a Gaza e viceversa deve coinvolgere permessi specifici e speciali che sono soggetti a considerazioni di sicurezza”.

La notizia va precisata, allo scopo di evitare che il titolo si avvicini al concetto di clickbait.

Il noto focale, toccato a fine dell’articolo evidenziato, viene ripreso anche da altre testate, come il Corsera:

Immediata la replica del portavoce dell’ambasciata israeliana a Roma, Amit Zarouk: «La Striscia di Gaza è controllata dall’organizzazione terroristica di Hamas che è un’entità ostile ad Israele». Il diniego viene pertanto giustificato da ragione di sicurezza: «L’ingresso da Israele a Gaza e viceversa deve coinvolgere permessi specifici e speciali che sono soggetti a considerazioni di sicurezza».

Non si tratta quindi di umiliazione, ma del vero e proprio ingresso in una zona di guerra che richiede permessi e considerazioni particolari.

Non è un’eccezione la mancata concessione, è, di fatto, un’eccezione l’elenco, peraltro breve, degli sparuti casi in cui il consenso è stato fornito. “Privilegio” questo fornito ad osservatori internazionali, alte cariche dello stato (o entrambe assieme: La Repubblica riporta come unico motivo che ha consentito a Laura Boldrini l’accesso il suo curriculum presso le Nazioni Unite) ma negato per routine a forze politiche nazionali, come ad esempio accadde alla delegazione di Podemos.

Nessun incidente diplomatico quindi.

 

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News