PRECISAZIONI Fedez e il vandalismo dei No Expo – Bufale.net

di David Tyto Puente |

precisazioni-fedez-imbrattamento-legge-codice-penale-expo-2015
Dopo aver trattato il tema della bufala sul falso tweet che invitava i manifestanti di San Giovanni a “combattere a Milano”, ora vi riportiamo i veri messaggi pubblicati dall’account Twitter di Fedez. Ne analizzeremo in particolare uno, quello dove parla delle motivazioni della protesta e di vandalismo.
Ecco alcuni tweet presenti nell’account di Fedez (tweet 1tweet 2) che citano la vernice sui muri e i danni provocati dai No Expo:

Fedez   Fedez    Twitter
La vernice sui muri dei #NoExpo indigna più delle infiltrazioni mafiose di Expo.Di questo passo daranno la scorta di Stato agli imbianchini.
I danni dei #NoExpo sono poca cosa in confronto alle infiltrazioni mafiose e le speculazioni economiche di EXPO.Indignati a giorni alterni!

 
Successivamente, alle 15:26 del 30 aprile 2015, pubblica un altro tweet contenente alcuni dati riguardo Consob, Inps e Manpower:

fedez-vandalismo-expo
La lista degli edifici imbrattati datami da un #NoExpo Qui si spiega perchè sono atti di protesta e di non vandalismo

Ecco l’immagine condivisa da Fedez insieme al tweet affinché lo possiate leggere:
fedez-vandalismo-expo-messaggio
Considerando che Fedez parla di “imbrattare“, come anche nei suoi precedenti tweet, ricordiamo che tale pratica è considerata atto di vandalismo e che costituisce reato penale all’articolo 639:

Art. 639 Deturpamento e imbrattamento di cose altrui
Chiunque, fuori dei casi preveduti dall’articolo 635, deturpa o imbratta cose mobili o immobili altrui è punito, a querela della persona offesa, con la multa fino a euro 103. Se il fatto è commesso su beni immobili o su mezzi di trasporto pubblici o privati si applica la pena della reclusione da uno a sei mesi o della multa da 300 a 1.000 euro. Se il fatto è commesso su cose di interesse storico o artistico, si applica la pena della reclusione da tre mesi a un anno e della multa da 1.000 a 3.000 euro. (1) Nei casi di recidiva per le ipotesi di cui al secondo comma si applica la pena della reclusione da tre mesi a due anni e della multa fino a 10.000 euro.(2) Nei casi previsti dal secondo comma si procede d’ufficio.(2)

Successivamente, in seguito ad un tweet di Matteo Salvini, risponde così:

salvini-fedez-no-expo
Falso, difendo le motivazioni non giustifico l’azione in se.Ma Quanto vi piace strumentalizzare? Vi faccio così paura?

I giudizi e le opinioni le lasciamo ai lettori. A noi ci preme precisare che l’imbrattamento è di fatto un atto vandalico punito dal Codice Penale, indipendentemente dalle motivazioni del gesto.
Come al solito vi sconsigliamo di rivolgere insulti gratuiti, chiunque egli sia. Riproponiamo un’immagine pubblicata sulla nostra pagina Facebook:
insulti-idee
Riproponiamo anche il messaggio che abbiamo pubblicato di recente nella nostra bacheca Facebook:
manifestare

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News