PRECISAZIONI Cane dorme sulla tomba del padrone per 7 anni

di Bufale.net Team |

PRECISAZIONI Cane dorme sulla tomba del padrone per 7 anni Bufale.net

Le storie di animali piacciono sempre, e spesso sono commoventi. Diventano virali sui social media, ma spesso sono dei veri e propri acchiappaclick. L’ultimo post virale riguarda un cane che dorme sulla tomba del suo padrone da sette anni, ma l’immagine virale spesso associata a quella didascalia non è corretta.

La fotografia che mostra un cane di nome Captain (Capitano) dormire sulla tomba è spesso condivisa sui social media insieme a una breve didascalia che spiega la presunta storia.

La foto

Secondo il messaggio virale, l’animale ha dormito in quel luogo ogni notte per diversi anni, e la didascalia recita:

Sono passati 7 anni. Il cimitero non chiude i cancelli finché lui non arriva tutte le sere. Il suo nome è Capitano. Dorme ogni notte sulla tomba del suo padrone. us Semper Fi!

La fotografia è autentica, e anche la didascalia corrisponde a una notizia pubblicata, ma questi due elementi non sono correlati. In realtà, anche questa stessa storia è stata erroneamente associata ad almeno un’altra fotografia con un cane completamente diverso che giace su una tomba completamente diversa:

Nessuna di queste immagini presenta un cane di nome Capitano (o Captain) che ha dormito sulla tomba del suo proprietario per diversi anni. Tuttavia, la didascalia si riferisce a un articolo pubblicato nel quotidiano in lingua spagnola La Voz nel settembre 2012 (tradotto tramite Google):

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=TUIqu0c0EtI]

Il capitano è un cane di razza bastarda, un incrocio tra un pastore tedesco e un’altra razza. Arrivò a casa di Damián Guzmán (13), a Villa Carlos Paz, a metà del 2005 come regalo di suo padre, Miguel. Il regalo non piacque a Veronica Moreno (52 anni), la madre di Damian, perché significava più lavoro domestico. Una storia normale, ma un’altra, molto speciale, è iniziata il 24 marzo 2006, quando Miguel è morto.

Passarono i giorni e nessuno notò l’assenza del Capitano. Aveva lasciato la casa, come Miguel.

Quando il cane è tornato, ha annusato ogni angolo e se n’è andato. “È rimasto per un po’ fuori, a pochi metri di distanza, a mezzo isolato dalla casa”, racconta Verónica.

Poi il cane è scomparso. Lo credevano morto o adottato da un’altra famiglia. “Fino a quando un giorno, quando andammo con mio figlio al cimitero, lo trovammo lì. Damien cominciò a gridare che era Capitano, e il cane si avvicinò a noi abbaiando, come se stesse piangendo”, dice Verónica con emozione.

Tuttavia, quando Damien e sua madre tornarono a casa, Capitano non li seguì, sebbene lo chiamassero. Rimase nel cimitero, con Miguel.

Ciò che sorprende è che Miguel è morto nell’ospedale Carlos Paz e il suo corpo è stato trasferito in un cimitero lontano da casa sua. Secondo la famiglia, né quel giorno né altri giorni il cane li ha seguiti fino al cimitero dove fu sepolto Miguel.

C’è un po’ di scetticismo su alcuni aspetti della storia. Per esempio, l’idea che il cane fosse in grado di localizzare la tomba, diversi giorni dopo la sepoltura, senza esserci mai stato prima. Tuttavia Héctor Baccega, il direttore del cimitero municipale di Villa Carlos Paz, insiste nella veridicità della storia, confermando ogni dettaglio: “Il cane è apparso qui da solo e ha girato il cimitero, fino a trovare anche la tomba del suo proprietario. Nessuno lo ha portato lì. E non è tutto: ogni giorno, alle sei del pomeriggio, va a stendersi davanti a quella tomba”, racconta.

La foto virale su Facebook comunque, si riferisce a un cane in Argentina che vivrebbe in un cimitero dalla morte del suo proprietario, nel 2006.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News