Pranzo a Davos dell’OMS per “riformare la libertà di parola”, ma il tweet è un falso

di Bufale.net Team |

pranzo a davos dell'oms 3
Pranzo a Davos dell’OMS per “riformare la libertà di parola”, ma il tweet è un falso Bufale.net

Sui social sta prendendo piede lo screenshot che documenterebbe un pranzo a Davos dell’OMS a base di granchio fresco e maiale spagnolo, con tutta l’indignazione che ne consegue. La foto della tavola imbandita e la didascalia hanno fatto infuriare tantissimi utenti. Come si usava dire un tempo, tuttavia, il diavolo si nasconde nei dettagli.

Il tweet

Se traduciamo il tweet in analisi, leggiamo:

I leader mondiali stanno per fare una pausa per un pranzo a base di granchio atlantico fresco e maiale spagnolo, seguiti dall’anatra e dal miglior merluzzo del mondo da una fattoria sostenibile in Norvegia. Quando riprenderemo, discuteremo della libertà di parola e di come potrebbe essere riformata.

Il tweet esiste, è ancora online ed è archiviato a questo indirizzo. È stato pubblicato il 24 maggio.

La bufala

Come già detto, il diavolo si nasconde nei dettagli. In primo luogo, ogni account ha un proprio username, e nel nostro caso leggiamo @worldHellOrg. Ancora, notiamo che il profilo segnalato non ha il bollino blu di certificazione.

Il nome del profilo è World Hell Organization (WHO), che è ben diverso dall’originale World Health Organization (WHO) il cui username è @WHO. Possiamo verificarlo dal profilo ufficiale.

World Hell Organization (WHO) è infatti un profilo parodia che sfrutta la somiglianza con il nome dell’originale, ingrediente perfetto per i condivisori compulsivi che diffondono contenuti senza prima verificare con attenzione la loro provenienza.

La bufala del pranzo a Davos dell’OMS si colloca in un’intensa settimana di polemiche, bufale e complottismi sul World Economic Forum (WEF) che quest’anno, come ogni anno, si è riunito appunto a Davos. Dall’incontro sono scaturite bufale come quella della polizia privata del WEF o quella su Albert Bourla che vorrebbe controllare la popolazione con un chip contenuto in una pillola.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Il seguente articolo fa parte del progetto di FACT-CHECKING di Bufale e segue tutte le regole del fact-checking e della metodologia qui indicata. Per eventuali reclami potete contattarci al seguente indirizzo.

Latest News