Perché Salvini sbaglia con la gogna mediatica contro la donna che avrebbe scritto dei poliziotti di Trieste

di Redazione Bufale |

Sta facendo discutere tantissimo il commento di una donna che, su Facebook, avrebbe esultato dopo aver appreso dell’assassinio di due poliziotti a Trieste, ma attenzione anche ad un post di Salvini. Dopo le polemiche dei giorni scorsi con il Movimento 5 Stelle, come avrete notato dal nostro approfondimento, infatti, oggi 6 ottobre tocca concentrarsi su una pubblicazione social da parte dell’ex Ministro dell’Interno. Contenuto che, a conti fatti, ha alimentato la gogna mediatica contro questa donna.

Salvini
Salvini

Premesso che, qualora fosse autentico, quanto pubblicato dalla diretta interessata sarebbe vergognoso e meriterebbe provvedimenti non solo da parte dello staff di Zuckerberg, ci sono alcuni aspetti importanti da prendere in considerazione. In primo luogo, da un’analisi più approfondita della questione è emerso che il profilo della donna non sia raggiungibile. E in tanti si sono chiesti se nel giro di pochi minuti questa signora possa aver ricevuto così tanti commenti diffamatori, al punto da decidere di rimuovere il proprio profilo.

Le incertezze che si nascondono dietro il post di Salvini

Salvini nel suo post mostra nome e cognome della donna, ma anche il suo volto. Oltre a quello di coloro che avrebbero commentato il post provando a darle ragione. O a metterla in guardia. Non ha ricondiviso il post originale, che a conti fatti avrebbe rappresentato la prova inconfutabile sul fatto che fosse vero. Allo stesso tempo, una delle persone che ha commentato il presunto post, ne ha pubblicato uno in queste ore per dichiarare di non aver mai scritto certe cose. Morale della favola? Al momento non esistono prove incontestabili sul fatto che qualcuno abbia realmente scritto “due in meno”, a proposito dei poliziotti uccisi a Trieste. In generale, vi ricordiamo che basta davvero poco a creare con qualche programma di grafica presunti contenuti Facebook in realtà mai pubblicati.

Infine, qualora fosse tutto autentico, ha davvero senso pubblicare nome e volto di questa persona? Salvini, da ex Ministro dell’Interno, ha grande seguito social, al punto da alimentare all’ennesima potenza questa gogna mediatica. Eventualmente, la donna subirà le conseguenze di quanto scritto a prescindere dai post del leader della Lega.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News