Novax usano il nome di Dario Aloja per diffondere fakenews, danneggiandone nome e lavoro.

di Bufale.net Team |

Novax usano il nome di Dario Aloja per diffondere fakenews, danneggiandone nome e lavoro. Bufale.net

“Sappiamo ogni cosa, tutti devono sapere”: purtroppo, mai fact checking fu più facile.

L’abbiamo visto mille volte: a volte il complottista medio funziona come il “buongiornista da Facebook” che scritta una bestialità la attribuisce ad un personaggio storico famoso.

Internet è piena di bizzarri apocrifi: Woody Allen che cita fumettisti pubblicati dopo l’inizio della sua carriera e pure Fedez, Tucidide novax e Cicerone contro i DPCM.

Nonché Sabin improvvisamente ignorante dei principi base della virologia, Sandro Pertini violento cavernicolo con la bava alla bocca che urla di voler “tirare mazze e pietre” ai congressi per la Pace, Pierpaolo Pasolini che scrive al suo amico Alberto Sordi lettere piene di tormentoni di Sabina Guzzanti come un teledipendente perso e Winston Churchill punk che esorta a ribellarsi contro il divieto di fumare.

L’elenco potrebbe proseguire all’infinito: Internet si nutre di false citazioni.

“Sappiamo ogni cosa, tutti devono sapere”: smettetela di appropriarvi del nome altrui

Come questo

“Sappiamo ogni cosa, tutti devono sapere”: smettetela di appropriarvi del nome altrui: lasciate stare Aloja

Abbiamo quindi un appello che riprende la teoria già vista secondo cui i Potenti ricevono un placebo e la povera gente viene vaccinata.

Aggiungendo al piatto le bufale del siero sperimentale e la teoria brutalmente crudele per cui tutti i vaccinati moriranno per l'”esaltazione” dei novax convinti di scoprire il vero.

Teoria abbiamo già visto astratta, al momento un “nessuna fonte” privo di alcuna prova e quindi del tutto inaccoglibile.

Nonché in controtendenza rispetto ad Aprile, quando i “potenti” e le “categorie forti” erano invece accusati di voler fare incetta di vaccino per privare i soggetti che ora rifiutano la profilassi della possibilità di accedere ad un beneficio che ora rigettano disgustati.

Il fact checking però in questo caso è stato facilissimo: è stato lo stesso Dario Aloja, giornalista e fotografo a contattarci chiedendoci di aiutarlo ad interrompere questa falsificazione.

Ci ha scritto Dario Aloja in persona.

Perché coscrivere un individuo solo perché ha un certo credito in una causa mettendogli in bocca cose che non ha mai detto, dando credito a ciò che credito non ha in quanto non provato non danneggia voi anonimi, ma la persona di cui spendete liberalmente il nome.

Abbiamo consigliato a Dario Aloja di rivolgersi alle autorità competenti.

Come è giusto che sia. Sappiamo di alcuni articoli a  e di altre info, ma l’onere della prova spetta a chi sta diffondendo lo screen.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News