NOTIZIA VERA Porta la figlia a caccia e le fa addentare il cuore del cervo: la foto su Fb, è polemica

di Luca Mastinu |

NOTIZIA VERA Porta la figlia a caccia e le fa addentare il cuore del cervo: la foto su Fb, è polemica Bufale.net

dcsd

Un post rimosso, ma non così in fretta da non essere immortalato dall’utenza internazionale indignata. Ci avete segnalato questo articolo del Messaggero, pubblicato il 25 Agosto 2016. Johny Yuile si è reso protagonista dopo aver pubblicato due foto che testimoniano l’avvenuta uccisione di un cervo da parte della figlia Chloe, di soli 8 anni, sulla pagina Facebook NZ Woman Hunters. Nella seconda foto, quella che ha sollevato le polemiche, si può vedere la piccola mentre addenta il cuore dell’animale. La didascalia che accompagna post è la seguente:

Ehi voi, piccole cacciatrici… Sono un padre orgoglioso, ecco la mia principessa-ninja Chloe (8) con il suo primo giovane cervo beccato dietro un cespuglio nella fattoria di un mio amico lo scorso fine settimana. È la prima volta che sparava ad un cervo. Ha fatto una discesa difficile, si è appoggiata sulle mie spalle per riposare un po’ e lo ha colpito da 40 metri. Poi ha preso con le sue mani il cuore ancora palpitante e dato un morso, vai Chloe.

2bc7ef6757bd3eef765d4da60507aae8

La notizia è vera. Johny Yuile vive a Wairoa, in Nuova Zelanda. NZ Woman Hunters è una pagina Facebook che raccoglie bollettini di caccia da un pubblico prevalentemente femminile e il post incriminato è stato rimosso. Ce lo confermano Daily Mail e The Sun. Molti utenti hanno risposto con un certo sdegno verso la foto della piccola che addenta il cuore dell’animale, giudicando il gesto come inumano. C’è chi difende l’uomo, invocando un vecchio rituale diffuso tra i cacciatori. Il rituale del morso al cuore dell’animale catturato è sempre stato oggetto di discussione e curiosità, come in questo forum in cui Buddha David apre un topic per domandare se i Nativi Americani mangiassero il cuore delle loro prede, citando una scena del film Balla coi lupi. C’è chi risponde con “certo che sì”, trattandosi di una tradizione tramandata nel tempo.

La notizia, in ogni caso, è vera.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News