NOTIZIA VERA E PRECISAZIONI Italiano ruba per fame alla Coop: i carabinieri si rifiutano di denunciarlo e pagano il conto

Voce del web ha pubblicato in questi giorni un articolo su un uomo che si è ritrovato a rubare alla Coop di Novara, sprovvisto di denaro:

Ha preso tre succhi di frutta in un supermercato della catena Coop di Novara, poi però non potendoli pagare perché senza soldi ha provato a uscire dall’esercizio commerciale senza farsi notare. “Pizzicato” dai commessi, l’uomo ha spiegato di essere indigente e di avere sete. A quel punto sul posto sono giunti i carabinieri, che anziché denunciare per furto un disoccupato italiano di 55 anni, in evidenti difficoltà economiche, hanno preferito aiutarlo, pagando loro il conto. Inoltre, i militari dell’Arma hanno anche pagato un caffè all’uomo e gli hanno dato qualche spicciolo.

Non è il primo episodio simile in questi ultimi mesi: a inizio marzo, a Polla, nel salernitano, un pensionato che vive in condizioni economiche estremamente precarie ed è anche gravemente ammalato è stato sorpreso dal personale di un supermercato mentre tentava di rubare della pasta e della passata di pomodoro. Allertati i militari dell’Arma, che quando sono giunti al supermercato si sono resi conto della situazione. Sono stati così loro a pagare il conto al pensionato.

A fine gennaio, una coppia di giovanissimi genitori, lei appena maggiorenne e lui 20enne, disoccupati e residenti a Terzigno, nell’hinterland napoletano, sono stati sorpresi a rubare in un supermercato. Non una spesa qualunque, ma omogeneizzati, talco, biberon e detergenti per neonati. Graziati dalla polizia, intervenuta sul posto, i due giovani sono stati denunciati comunque dal titolare dell’esercizio commerciale. Infine, nei giorni di Natale, a Manerba, in provincia di Brescia, un’anziana 75enne è stata “pizzicata” mentre rubava alcuni dolciumi dagli scaffali di un supermercato. Anche in questo caso, a pagare il conto ci hanno pensato i carabinieri.

La notizia è vera, ma parliamo di precisazioni in quanto alcuni siti d’informazione non ufficiale stanno riproponendo questo articolo, pur trattandosi di un episodio del 2016.

Più precisamente, il 3 giugno 2016 Novara Today riportava che l’uomo si trovava alla Coop di via Fara, quando alcuni dipendenti lo hanno notato mentre sottraeva della merce. All’arrivo dei Carabinieri è stata fatta la stima del “bottino”: tre succhi di frutta per un valore complessivo di un euro e 10 centesimi. L’uomo aveva nascosto le bevande nei vestiti. Si trattava di un 55enne disoccupato, novarese. I Carabinieri, considerando l’esiguo valore dei prodotti e le evidenti difficoltà economiche dell’uomo, hanno evitato di denunciarlo e hanno pagato il suo conto.

La notizia, come fa notare anche Pagella politica, era stata riportata dalle testate nazionali, in concerto, il 3 giugno 2016. Le informazioni sulla vicenda restano ancora scarse, in quanto gli organi di stampa avevano dedicato poche righe all’episodio.

Voce del web parla di episodi analoghi “degli ultimi mesi”, ma riporta casi avvenuti sempre nel 2016, come quello del pensionato di Polla, sorpreso a rubare pasta e passata di pomodoro, il caso dei genitori che rubavano omogeneizzati in un supermercato di Terzigno (graziati dalla Polizia ma denunciati dal titolare dell’esercizio) e, infine, la storia dell’anziana 75enne del bresciano che rubava dolci per fare una sorpresa ai nipotini. La notizia, in quest’ultimo caso, è del 26 dicembre 2015.

La Coop di Via Fara / Novara Today

È dunque vero che un disoccupato 55enne, nel 2016, era stato sorpreso a rubare alla Coop di Novara, per poi vedersi pagare la spesa dagli stessi Carabinieri intervenuti sul posto.

Latest News