NOTIZIA VERA Bollette della luce si devono conservare per 10 anni e non più 5

di Michela Albano |

NOTIZIA VERA Bollette della luce si devono conservare per 10 anni e non più 5 Bufale.net

notizia veraOrmai siamo sommersi da carta da conservare, di seguito una guida per essere certi di non sbagliare, ecco alcuni esempi:

  • Bollette per consumo di acqua, energia elettrica, gas, telefono, ADSL, pay tv: 5 anni dalla data di scadenza.
  • Tassa nettezza urbana: 5 anni dall’anno successivo a quello di pagamento.
  • Ricevute per affitto: 5 anni.
  • Rate di mutuo: 5 anni dalla scadenza della singola rata.
  • Cambiali e parcelle dei professionisti: 3 anni.
  • Dichiarazione dei redditi: 4 anni a partire dall’anno successivo a quello della presentazione della dichiarazione. S’è presente una detrazione per ristrutturazione edilizia, la documentazione va conservata per 14 anni.
  • Bollo auto: 3 anni dalla data di scadenza.
  • Multe stradali: 5 anni.
  • Ricevute e fatture come ristorazione ecc.. con rimborso: 1 anno
  • Affitto e spese condominiali: 5 anni.
  • Canone Rai: 10 anni

Come tutti sappiamo la nuova bolletta elettrica comprenderà il canone Rai, l’obbligo della conservazione di queste bollette, di conseguenza, sarà esteso di altri 5 anni. Le ricevute del canone Rai, infatti, devono essere conservate per almeno 10 anni, solo dopo il decimo anno andranno i prescrizione.

 

Dunque se la prova del pagamento della bolletta elettrica verrà eliminata dopo 5 anni, il consumatore sarebbe immune solo all’eventuale richiesta di arretrati della luce, ma non dell’imposta sulla televisione, che richiede la dimostrazione dell’adempimento fiscale per un totale di 10 anni.

 

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News