Nomask disturba volo, aereo Miami-Londra ritorna indietro senza arrivare a destinazione

di Bufale.net Team |

Nomask disturba volo, aereo Miami-Londra ritorna indietro senza arrivare a destinazione Bufale.net

Aereo Miami-Londra ritorna indietro senza arrivare a destinazione: questa è la notizia del giorno, a metà tra la nostra sezione “ah, ma non è Lercio” e quella delle notizie vere.

La notizia si svolge nella Miami del 20 Gennaio, quando sul volo AA38 da Miami a Londra della American Airlines appare un nomask.

O meglio, siamo purtroppo abituati alla presenza di nomask sui voli inclini all’aggressione e alla violenza. Così tanto da suscitare un vero e proprio allarme internazionale sui voli dato dal netto incremento delle violenze verso personale di voto e avventori, spesso “giustificate” dal rifiuto di ottemperare alle prescrizioni necessarie durante una pandemia.

Ancora una volta questa storia parla di una passeggera poco incline alle prescrizioni.

Le ricostruzioni dell’avvenuto la definiscono “verbalmente abusiva” verso il personale viaggiante, il quale per cercare di placare la questione le ha proposto diversi modelli di mascherina, tutti rifiutati perpetrando il comportamento di disturbo.

A nulla sono valsi i tentativi di risolvere pacificamente la controversia: dopo quasi due ore di viaggio in totale l’aereo è semplicemente tornato indietro, sbarcando a Miami tutti i passeggeri (alcuni dei quali tornavano a Londra), costretti a prenotare un nuovo volo.

FAA, l’Amministrazione Federale per l’Aviazione, non ha potestà penale, ma ha potestà di comminare sanzioni pecuniarie fino a 37mila dollari, sorte che si avvicina per la nomask, assieme all’iscrizione permanente nella lista di utenti a cui è vietato servirsi di voli della American Airlines.

In questo periodo si registra un incremento, dicevamo, di violenze verso il personale di molto, molte denunciate alle autorità.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

ATTENZIONE - L'articolo verrà successivamente completato con un FACT-CHECKING COMPLETO, ma per ora presenta un TAG PROVVISORIO con le informazioni fino ad ora raccolte per bloccare la viralità di eventuali bufale. La metodologia è spiegata nella seguente sezione: https://www.bufale.net/fact-checking-prearticoli

Latest News