No, non è vero che Zelensky indossa una croce di ferro nazista sulla maglietta

di Bufale.net Team |

No, non è vero che Zelensky indossa una croce di ferro nazista sulla maglietta Bufale.net

Ci segnalano i nostri contatti un Tweet secondo cui Zelensky indossa una croce di ferro nazista sulla maglietta.

Ovviamente la foto esiste e la notizia è falsa. Il paradosso si spiega facilmente: il simbolo sulla maglietta non è un simbolo nazista.

Non bisogna certo essere lo Sheldon Cooper dello show “The Big Bang Theory”, esperto in vessillologia e araldica, per capire che la tradizione europea e della Russia Ortodossa è piena di simboli ispirati alla Croce.

In questo caso il simbolo delle forze armate di Terra Ucraine (e ricordiamo, solitamente il Presidente è anche capo delle Forze Armate tutte, anche in Ucraina) è una croce equilatera con lati divergenti color Cremisi e il simbolo araldico di Vladimir il Grande.

Dove per equilatera, come ci ricordano peraltro i colleghi di Facta, si intende una croce con bracci di egual misura.

Una simile croce appare anche tra i Sassi di Matera, nel Convicinio di Sant’Antonio, e nessuno che conosca l’araldica e la simbologia accuserebbe i Sassi di Matera di essere una struttura di arte nazista.

La c.d. “Croce di ferro nazista” è in realtà una “croce patente”, una croce i cui i bracci si allargano formando una struttura circolare o ovale che, stirate fino a toccarsi, creano o creerebbero una figura a “mandorle pelate”.

Sostanzialmente, la croce di Vladimiro il Grande è “scorciata”, squadrata. La croce di ferro nazista è stondata, e naturalmente difetta dello stemma araldico del Principe di Kiev, per ovvi motivi.

Possiamo quindi escludere la veridicità della notizia per cui Zelensky indossa una croce di ferro nazista sulla maglietta, probabilmente influenzata da quanto espresso da diverse fonti sulla falsariga della martellante campagna di disinformazione del Cremlino.

Campagna che, ricordiamo, nega l’esistenza della guerra Russo-Ucraina riscrivendola come “Operazione speciale di denazificazione” e infiliggendo severe sanzioni pecuniarie e carcerarie a chi contraddica la “versione ufficiale” della Duma.

 

 

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Il seguente articolo fa parte del progetto di FACT-CHECKING di Bufale e segue tutte le regole del fact-checking e della metodologia qui indicata. Per eventuali reclami potete contattarci al seguente indirizzo.

Latest News