Morto Kentaro Miura, autore di Berserk

di Shadow Ranger |

Morto Kentaro Miura, autore di Berserk Bufale.net

La morte di Kentaro Miura dimostra che un necrologio non è mai una cosa semplice da dare. Il necrologio di un autore con ancora tante storie da dare, e molte intrappolate, a questo punto per l’eternità, nella sua mente, è una ferita doppia.

Doppia perché resta il cordoglio dei cari e delle persone che hanno voluto bene al defunto. E doppia perché ogni storia è un viaggio compiuto col lettore dal quale il commiato è avvenuto presto e brutalmente.

Era il 1988 quando un giovanissimo Miura proponeva al suo editore una storia breve, che sarebbe diventata un’epopea del fantasy moderno, Berserk.

Una storia breve con qualche incertezza rispetto alla trama dell’opera successiva, inevitabilmente concepita per essere buttata via come una storia autoconclusiva se l’operazione non fosse andata in porto. Mancava del tutto il rivale/amico/nemico di Gatsu (il protagonista), il bellissimo e immorale Griffith, sostituito dal “mostro della settimana” ispirato a Dracula. Le motivazioni dei personaggi erano lasciate al caso e alcuni dettagli erano diversi.

Ma la storia piacque, e dal 1988 al 2021 abbiamo avuto 363 capitoli, dalle 16 alle 20 pagine ciascuno, per un totale di oltre 5800 pagine.

Pagine stupende, dolorose, spesso intervallate da numerose interruzioni dovute a pause e problemi di salute dell’autore. Incomprese dai fan, comprensibili dati i folli ritmi di lavoro di un mangaka di prestigio.

Questa pausa, purtroppo, sarà l’ultima.

La morte, a 54 anni, è avvenuta il 6 Maggio, ma col riserbo tipico del paese del Sol Levante si è saputo solo oggi, quando il periodico annuncio delle pubblicazioni è stato rimpiazzato da un necrologio.

“Morte per dissecazione aortica acuta”.

Il viaggio con Miura termina qui, ma potremo riprenderlo rileggendo quelle pagine.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News