Mentana risponde a Salvini con “Meglio Vinci Salvini” e “sine ira et studio”: traduzione

di Redazione |

Mentana risponde a Salvini

Oggi 14 maggio Mentana risponde a Salvini con un video che sta facendo rapidamente il giro del web, contenente anche la citazione latina “sine ira et studio” che ha indotto tanti italiani a cercarne la traduzione. Tocca dunque un approfondimento su questa storia, perché se da un lato è vero l’intervento da parte del TG di LA 7, in cui il giornalista replica a chiare lettere al leader della Lega con la suddetta espressione, aggiungendo ironicamente che forse sarebbe il caso di parlare ironicamente del concorso “Vinci Salvini“, dall’altro non è chiara a tutti l’origine della discussione.

Perché Mentana risponde a Salvini? Nella giornata di ieri, durante un comizio in vista delle elezioni europee del 26 maggio, il Ministro ha anticipato ai propri seguaci che durante i TG serali (compreso quello di LA 7) non sarebbero stati trattati i temi da lui trattati durante l’intervento che lo ha visto protagonista. Ha poi rincarato la dose affermando che le testate in questione affrontino soltanto “fesserie“. Creando dunque i presupposti per l’intervento del giornalista con “sine ira et studio”, ovvero “senza ira né pregiudizi”, come potrete riscontrare su Wikipedia.

In passato Mentana è stato già al centro di polemiche di natura politica, come quando il giornalista ha dovuto pubblicare un post sui suoi canali social a proposito della candidatura del figlio con il PD. Potete analizzare meglio la storia con il nostro pezzo di allora, mentre oggi 14 maggio a noi non resta altro che prendere atto del video incentrato sulla discussione di questi giorni. Mentana risponde a Salvini con una citazione latina, ma cosa voleva dire esattamente? Proviamo a comprenderlo insieme.

Per completezza d’informazione, trovate il video originale da molti intitolato con “Mentana risponde a Salvini” qui di seguito, in modo tale che si possa avere la perfetta comprensione di quanto avvenuto nelle ultime ore in seguito alla polemica a distanza tra il Ministro degli Interni ed uno dei giornalisti più popolari ed attivi sul fronte social in Italia. Ecco dunque la citazione con “sine ira et studio”.

Latest News