Maurizio Belpietro: «La Sea Watch ha avuto 10 mila euro da ONLUS turche»

di Aspasia |

Non sono più solo i Verdi tedeschi e la chiesa valdese a stare dalla parte dei ‘traghettatori di schiavi’. Secondo la stampa nazionalista i musulmani in questo modo troverebbero le porte aperte per l’islamizzazione dell’Europa. È questo che riporta lo scoop di Maurizio Belpietro su La Verità. Una notizia che era stata già diffusa sul web da una testata minore, ma era passata in sordina. È trascorso più di un mese dall’uscita del comunicato da parte della Millî Görüş, che risale a inizio luglio di quest’anno. La Millî Görüş e la Hasene sono due associazioni islamiche con base in Germania. Entrambe, secondo quanto riportato da Maurizio Belpietro, avrebbero donato 10 mile euro a Carola Rackete, capitana della Sea Watch. La Millî Görüş e la Hasene hanno motivato la donazione puntando il dito contro le politiche sull’immigrazione dell’Europa intera.

Ma l’articolo di Maurizio Belpietro non si ferma qui

È inaccettabile che la Sea Watch riceva finanziamenti da organizzazioni terroristiche. Necmettin Erbakan, fondatore della Millî Görüş (‘Punto di vista nazionale’, tradotto in italiano), morto nel 2011, è stato un politico turco conservatore. L’associazione islamica da lui fondata conta circa 127 mila iscritti ufficiali. I simpatizzanti sono stimati a circa mezzo milione. Ma in Italia abbiamo già avuto a che fare con l’associazione islamica Millî GörüşÈ la stessa che avrebbe voluto costruire una moschea a Milano. Anche in Germania l’associazione è finita da tempo nella blacklist delle associazioni indagate per terrorismo. Sono stati sfiduciati in qualche modo anche dagli Emirati Arabi Uniti. Tuttavia, nessuna indagine nei loro confronti è stata aperta. Resta aperto il problema della tracciabilità dei finanziamenti, il reale motivo per cui la Millî Görüş risulta già sotto osservazione da parte dei Governi degli stati europei.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News