Mario Borghezio: “Si venda la Sicilia per sconfiggere la mafia”

di Aspasia |

Dopo 7 anni torna in voga con un picco di visualizzazioni considerevole l’anima secessionista della Lega, allora Lega Nord. È tutto vero quello che riporta l’articolo che sta circolando in queste ore su Facebook. L’eurodeputato Mario Borghezio, un militante di vecchissima data del Carroccio, ha risposto in modo affermativo alla domanda provocatoria che Klaus Davi gli ha rivolto in un’intervista del 2012. Erano gli anni del governo Monti. Il giornalista svizzero, conduttore del format di YouTube Klauscondicio, afferma che «secondo alcuni l’unico modo possibile per combattere la mafia sarebbe quello di vendere la Sicilia a qualcuno: uno stato estero o un oligarca russo».

La risposta di Mario Borghezio è positiva, con alcune clausole da tenere in considerazione. Bisogna stare attenti a vendere Sicilia e Campania ai russi perché sarebbe alto il rischio di contaminazione e fusione tra le due mafie. Inoltre, non bisogna sottovalutare il pericolo di vendita delle due regioni meridionali a qualche emiro dell’Arabia Saudita. Infatti, la vicinanza con la Turchia farebbe dell’Italia un avamposto per una totale islamizzazione dell’Europa. Dunque, Mario Borghezio 7 anni fa sarebbe stato disposto a considerare una via accettabile la vendita all’asta di due regioni del territorio nazionale.

Inoltre «qualunque patriota del nord non esiterebbe a dire “sì io la penso come loro”» (ndr: quelli che pensano che la vendita di Sicilia e Campania a qualsivoglia miliardario sarebbe LA soluzione per il debito pubblico italiano). Il Nord-Est produttivo e immacolato da ogni infiltrazione mafiosa sarebbe libero di spiccare di nuovo il volo senza «il rischio di essere trascinati in fondo al Mediterraneo». Dunque è vero. Nel 2012 Mario Borghezio aveva affermato pubblicamente che la vendita di Sicilia e Campania sarebbero state una soluzione praticabile. Solo allora la mafia sarebbe stata sconfitta e i conti pubblici dell’Italia sanati.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News