M.C. massacra gatti, puoi condividere per favore?

di Bufale.net Team |

M.C. massacra gatti, puoi condividere per favore? Bufale.net

AM.C. massacra gatti, puoi condividere per favore?., ci avete ancora segnalato in tutta la mattinata.

Ci risiamo. Davvero, ci risiamo, e non possiamo che condividere l’appello di una nostra lettrice sinceramente preoccupata dalle conseguenze civili e penali di tali leggere condivisioni.

Appello ancora più grave perché un caso simile era capitato pochi giorni fa, vi avevamo detto di interrompere le condivisioni e niente.

Non ce la fate proprio, vero? Vi serve proprio qualcuno da massacrare virtualmente…

Condivisioni che vi esibiamo, con censure che nel testo originale non ci sono.

M.C. massacra gatti, puoi condividere per favore?
M.C. massacra gatti, puoi condividere per favore?

Cinquanta condivisioni in poche ore di un appello girato mediante WhatsApp, quindi potenzialmente ancora più diffuso.

Condivisioni con solo poche voci che invitano alla calma, nel quale anonimi “giustizieri” sbattono dinanzi al loro uditorio una vera e propria foto segnaletica impropria, arricchita da dettagli come nome, cognome, indirizzo di casa, età e numero di telefono di un signore a caso, paventando l’esistenza di una intera lista di proscrizione gestita da nessuno sa chi dove chiunque potrebbe finire.

Cosa che ci costringe a ripetere il nostro passato appello.

Appello dal quale l’unica lezione che questi anonimi delatori hanno imparato è inserire “no FB” nelle loro condivisioni piene di bullismo, nella pia illusione che compiere tali atti su WhatsApp li renda immuni da ogni conseguenza che sanno essere realistica.

Lo sapete che state tutti compiendo condotte gravissime, vero?


Immagino che quando sarete chiamati a rispondere del reato di diffamazione aggravata dal mezzo, dire che mi ha detto un amico mio che questo uomo è tanto cattivo ed io sono tanto buono basterà ad evitarvi un processo, vero? E naturalmente sono assai ironico.

Immagino che abbiate tutte le liberatorie del caso da esibire al Garante della Privacy quando vi renderà conto del fatto di aver sbattuto davanti alle folle i dati personalissimi di un tizio e della sua compagna per risibili motivi.

E immagino che abbiate tutte le prove di quello che dite no?

E se le avete perché non siete andati a denunciare il grave crimine per cui un tizio merita di essere additato come un mostro, sbattuto sui social e privato di ogni sembianza di privacy alle autorità competenti anziché organizzare un linciaggio in stile Far West?

Oltretutto, a scienza nostra, nel nostro ordinamento non esiste il crimine di “essere un folle scatenato” e gli altri “capi di accusa” sono alquanto bizzarri e confusi.

Ma esistono i reati di diffamazione aggravata ed esiste un GDPR.

Perché sapete, non è la prima volta che accade.

Ricorderemo per sempre la triste parabola di A.M., giovane barista che il Popolo della Rete descrisse una volta come un “pedofilo” e che per questo patì la devastazione del suo bar e della vettura di proprietà per mano di vili anonimi che fomentati dalla Rete decisero di “farsi giustizia”. Per una bufala.

Non troppo tempo fa, in India bufale simili portarono al linciaggio di due persone, due innocenti, massacrati e ripresi dal cellulare nei loro ultimi rantoli di agonia da “persone per bene” che avevano “solo condiviso” per poi decidere di passare alle vie di fatto.

Tempo fa scrivemmo un articolo dal titolo Abbiamo tutti una scelta: il coraggio di non condividere.

Ognuno di noi è definito dalle sue scelte: voi oggi vi siete definiti con la scelta di condivere la foto di un tale chiamandolo “pazzo scatenato”, dando a chiunque gli strumenti per arrivare in casa sua, molestarlo, danneggiare la sua intimità, prendersela con la sua compagna.

Il tutto per risibili, assurde accuse che, forse, se non aveste deciso di diventare giudici, giuri e giustizieri, le autorità vi avrebbero detto se vere, realistiche o false.

Smettete immediatamente di condividere: non è giusto che il prezzo di simili azioni le paghi un tizio con l’unica colpa di essere stato gettato nel tritacarne della Rete.

Odiare ti costa: e dovrebbe costare non alle vittime, ma ai carnefici. Dovrebbe costare a chi, una condivisione per volta, vorrebbe rituffarci in un mondo di linciaggio e forca, di bullismo ed odio social. Non a chi desidera vivere in pace ed usare Internet per comunicare pacificamente.

 

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News