L’Hub chiede di donare gli organi dei bambini, ma è una bufala novax

di Bufale.net Team |

L’Hub chiede di donare gli organi dei bambini, ma è una bufala novax Bufale.net

L’Hub chiede di donare gli organi dei bambini vaccinati: un mero fotomontaggio creato verosilmente a scopo di propaganda e diffuso come verità dai novax.

Possiamo anticipare subito il fact checking: ovviamente si tratta di un falso.

Falso la cui origine è un falso nel falso: veniva divulgata infatti sui social assieme ad una falsa citatazione di Henry Kissinger. Nel tipico stile dei Novax che hanno cooptato nelle loro fila illustri defunti come Cicerone, Tucidide e Churchill contando sul fatto che erano troppo morti per replicare.

L’Hub chiede di donare gli organi dei bambini, ma è una bufala novax

Immagine evidentemente falsificata apparsa in una catena di Tweet, presentati in modo volutamente sviato per confondere le acque.

Questa immagine è infatti il falso. Il vero è una immagine che contiene le parole “Nessun appuntamento richiesto” in Inglese e Spagnolo, lingua assai diffusa negli USA.

L’Hub chiede di donare gli organi dei bambini, ma è una bufala novax, la foto vera

L’immagine è presa da un video dedicato all’allestimento dell’Hub (nessuno ha mai detto che l’hub chiede di donare gli organi dei bambini quindi)

E contiene il doppio testo bilingue.

Del resto, come tutti sanno Children è già plurale, e chi ha manipolato l’immagine lo ha fatto con la sintassi zoppicante tipica del mondo delle bufale.

Dove gente che padroneggia a stento i rudimenti della sua lingua madre si cimenta nella virologia e nella moderna medicina.

Il reale cartello fa parte del materiale informativo prodotto dal Mass General Brigham, rete di medici e ospedali senza scopo di lucro con sede a Boston e attiva nella campagna vaccinale.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

ATTENZIONE - L'articolo verrà successivamente completato con un FACT-CHECKING COMPLETO, ma per ora presenta un TAG PROVVISORIO con le informazioni fino ad ora raccolte per bloccare la viralità di eventuali bufale. La metodologia è spiegata nella seguente sezione: https://www.bufale.net/fact-checking-prearticoli

Latest News