Legano l’infarto di Antonio Rossi al vaccino: solita ed antipatica superficialità

di Redazione Bufale |

Antonio Rossi
Legano l’infarto di Antonio Rossi al vaccino: solita ed antipatica superficialità Bufale.net

Sta facendo il giro del web la storia dell’infarto che ha colpito Antonio Rossi e, immancabilmente, qualcuno ipotizza che i suoi problemi di salute siano in qualche modo legati al vaccino Covid. Una vera e propria prassi, almeno per quanto riguarda i trend dei social. Vicenda che ricorda molto quella di Libero De Rienzo, stando a quanto riportato la scorsa settimana, pur essendo per fortuna il fatto di oggi decisamente meno tragico. Servono dunque dei chiarimenti per gestire al meglio situazioni del genere.

Non ha senso associare l’infarto di Antonio Rossi al vaccino

Come sono andate le cose? Partiamo dal presupposto che l’infarto di Antonio Rossi di oggi risulta reale. L’attuale sottosegretario con delega allo Sport di Regione Lombardia, infatti, secondo le ultime informazioni fornite da ANSA risulta ricoverato all’ospedale Sant’Anna di Como, ma le sue condizioni appaiono buone. A detta della fonte, potrebbe essere dimesso già nei prossimi giorni, stando anche alle prime dichiarazioni fornite dal diretto interessato:

“Ora è tutto sotto controllo e sto bene, anche se ancora non posso fare grandi sforzi. Sono stato sottoposto ad una angioplastica, con cui mi hanno impiantato uno stent per ‘ripararmi’ l’arteria”.

Premesso questo, una volta ottenute tutte le rassicurazioni del caso sulle condizioni di Antonio Rossi dopo l’infarto annunciato oggi 20 luglio, è doveroso chiarire la questione vaccino. Al momento, infatti, nulla lascia pensare che ci possa essere qualche legame latente tra la somministrazione ed il problema registrato oggi. Come riportano alcune fonti, non a caso, la vaccinazione dell’ex campione di canoa è avvenuta lo scorso mese di maggio.

Da quel momento, sono trascorsi due mesi e nulla al momento crea dubbi sul fatto che l’infarto di Antonio Rossi sia in qualche modo associabile al vaccino Covid. Dunque, l’ennesimo capitolo che investe un personaggio noto al grande pubblico che ha avuto problemi di salute. Per i NoVax, del resto, qualsiasi anomalia sanitaria è potenzialmente associabile ad una vaccinazione vicina o lontana nel tempo.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News