La testimonianza di un italiano in Cina su Coronavirus con 9000 morti a Wuhan: è tutto inventato

di Redazione Bufale |

Coronavirus
La testimonianza di un italiano in Cina su Coronavirus con 9000 morti a Wuhan: è tutto inventato Bufale.net

Tocca ancora una volta tornare su una questione che eravamo convinti di aver ormai archiviato a proposito di Coronavirus e della sua diffusione in Cina. Con focus soprattutto a Wuhan, dopo l’epidemia avrebbe preso piede. Un paio di giorni fa, più in particolare, siamo stati costretti a smentire il messaggio audio WhatsApp diffuso da un ragazzo con accento emiliano, il cui bollettino proveniente proprio dalla metropoli cinesi non lasciava prevedere nulla di buono come molti già sapranno.

Smentiamo di nuovo la testimonianza su Coronavirus da Wuhan

Già in quel frangente siamo stati bombardati di messaggi da parte di lettori che ci hanno chiesto un approfondimento sul tema. Il motivo? Questo ragazzo italiano nel messaggio audio WhatsApp dalla durata di 5 minuti parla di dati occultati dai media locali. Il tanto temuto Coronavirus, infatti, dai dati che ha raccolto avrebbe lasciato alle sue spalle già 9.000 morti e circa 70.000 malati. Numeri da pandemia, al punto che a suo dire l’esercito collocato in ogni strada di Wuhan avrebbe il compito di sparare a tutti coloro che vogliono entrare in città o lasciarla.

Ebbene, la testimonianza è del tutto inventata. Abbiamo contattato due giorni fa l’autore del messaggio vocale WhatsApp che ci ha comunicato che aveva inviato l’audio ad una cerchia ristretta di amici (dove vi erano altri audio scherzosi) . Qualcuno “per scherzo“, ha poi diffuso solo quel singolo audio e spacciandolo per reale creando allarmismo. Quindi l’autore NON HA NESSUNA COLPA. Il problema si è posto nel momento in cui il suddetto messaggio sul Coronavirus sia uscito da quella cerchia, arrivando dapprima all’interno della nota app di messaggistica, poi su Facebook.

Proprio oggi, infatti, quelle parole fanno parte di un video, accompagnato a sua volta da una musica “a tema” e dalle immagini registrate con un drone proprio nella città di Wuhan. Dal nostro punto di vista, abbiamo la certezza totale che quanto annunciato nell’audio WhatsApp sia falso e che la situazione inerente il Coronavirus nella città di Wuhan, in Cina, non sia così drammatica come viene descritta in questo documento.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News