La storia delle api di Monte Athos: il miracolo in Grecia in realtà ha semplici spiegazioni

di Redazione |

Monte Athos

C’è un gran parlare in Rete di una storia specifica oggi 12 luglio, quella delle api del Monte Athos in Grecia che avrebbero iniziato a creare un alveare all’interno di una chiesa, evitando di ricoprire le immagini sacre. C’è chi grida al miracolo, invocando il significato mistico di quanto avvenuto. Alcuni addirittura tirano in ballo casi simili del passato, con Gesù preservato dalle api a differenza di uno dei malfattori dell’epoca che non si è mai pentito delle proprie azioni. Insomma, ne abbiamo sentite di ogni tipo, al punto che si è riaccesa la polemica sui social tra i credenti e chi spiega con la ragione il fatto odierno. Un po’ come avvenne a suo tempo con la storia della nonna e del nipotino durante il funerale di quest’ultimo.

Cosa c’è in realtà dietro la storia delle api del Monte Athos? Partiamo col dire che queste immagini circolino in Rete da oltre dieci anni, visto che abbiamo pescato dei forum in Grecia in cui se ne parlava e, nonostante la matrice di tali community, già in quella fase c’erano non pochi scontri tra gli utenti nel tentativo di spiegare la vicenda. Del resto, le figure sacre preservate dall’alveare creavano e creano un bel colpo d’occhio.

 

Premesso questo, diverse le spiegazioni selle api del Monte Athos e sulle loro azioni. Premesso che nemmeno i media locali ne abbiano fatto mezione, creando uno certo scetticismo di base attorno a questa vicenda, si parla di diversi fattori: da piccoli impedimenti fisici che evitano alle stesse api di accedere ai volti, fino ad arrivare all’oro delle immagini che potrebbe tranquillamente fungere da repellente per loro.

Contributo interessante in questo senso ci arriva dal sito Query online. Inoltre, è probabile che il fondo dove viene raffigurata la Madonnina sia stato ritenuto non “edificabile” perché non ruvido. Insomma, nessun esperto del settore in questi anni ha ritenuto credibile una spiegazione “religiosa” del fenomeno.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News